Tag Archives: “pasta fillo”

Torta salata al formaggio e pasta fillo ricetta turca borek – Placinta turceasca cu branza sarata

Torta salata al formaggio e pasta fillo ricetta turca borek – Placinta turceasca cu branza sarata
Torta salata al formaggio e pasta fillo ricetta turca borek – Placinta turceasca cu branza sarata

Ricetta torta salata turca al formaggio e pasta filloBörek (torta salata al formaggio con pasta fillo) – Istanbul, Turchia: Venditori in coloratissimi abiti tradizionali che gridano a squarciagola la bontà dei loro prodotti, donne completamente coperte dal velo che camminano nella folla accanto a donne dall’ abbigliamento occidentale, sullo sfondo il profilo severo delle moschee in contrasto con tram ultra moderni, una mareea di tulipani (i tulipani sono originari dalla Turchia)… Istanbul – miscuglio di tradizione e modernità. Coloratissima, profumatissima di cibo buono e spezie, rumorosa, Istanbul è così, geograficamente e metaforicamente metà in Europa e metà in Asia. Turchia, vale la pena un viaggio anche solo per la parte gastronomica 🙂 : si mangia ( benissimo) sempre e dapperttutto, la cucina turca è molto ricca e varia, dagli antipasti ai dolci, io me ne sono innamorata e ti propongo la ricetta della torta salata börek, uno dei piatti tradizionali turchi molto buoni e semplici da riprodurre anche a casa in Italia.

Ricetta borek al formaggio torta salata turca e foto Istanbul Turchia Continua la lettura

like & share:

Strudel di fillo con cioccolato e pere Strudel cu ciocolata si pere

Strudel di fillo con cioccolato e pere Strudel cu ciocolata si pere

foto Strudel cioccolato e pere, noci e pasta fillo

Cioccolato + pere = LOVE , uno dei miei abbinamenti preferiti fatti e rifatti, adesso nella versione strudel veloce dal cuore goloso di cioccolato, pere e noci racchiuso in un guscio piacevolmente croccante di pasta fillo.

“La pazienza è come il cioccolato…non è mai abbastanza” lo pensava sicuramente quella pazza rossa mentre si agitava su e giù sul binario di un minuscolo paesino sperduto in campagna. Continua la lettura

like & share:

Torta salata gorgonzola pere e pasta fillo- Tarta cu pere gorgonzola si nuci

Torta salata gorgonzola pere e pasta fillo- Tarta cu pere gorgonzola si nuci

Immagine Torta con gorgonzola e pere noci pasta fillo

 

Il gusto leggermente pungente della gorgonzola ed il tocco delicato della pera si fondono in un ripieno cremoso e filante  rinchiuso in un guscio ben croccante di pasta fillo. Krantz krantz. Una torta salata, golosa, facile e veloce da fare, da proporre come antipasto, stuzzichino e anche come un dopopasto al posto del solito dolce.

Continua la lettura

like & share:

Cheesecake al forno con pasta fillo

Cheesecake al forno con pasta fillo

immagini cheesecake al forno con pasta fillo

Non potresti credere quanto mi sono scervellata per trovare il nome da dare a questa ricetta, una semplicissima, rustica e gustosa cheesecake al forno col ripieno al formaggio, profumata agli agrumi, con frutta secca e coperta con un croccante involucro di pasta fillo.

Ci ho messo tanto non perchè la ricetta fosse una mia creazione originale, anzi si tratta di un dolce tradizionale romeno che più tradizionale di così non si può: “placinta cu branza”– uno dei più conosciuti che, vista la facilità, preparano tutti in casa ed è anche uno di quei cibi di strada venduti nei locali “placintarii” che vendono degli spuntini dolci e salati soprattutto a base di pasta fillo (placinta è il tipo di preparazione con la fillo). Nella mia versione ho aggiunto solo gli agrumi e la frutta secca.

Sei ancora qui?:) Ecco solitamente preferisco passare oltre le polemiche, però ultimamente mi sembra che il mondo dei foodbloggers si stia dividendo tra quelli che in cucina vogliono preparare solo i piatti della tradizione, rigorosamente la loro tradizione, oppure quelli che cercano prevalentemente l’esotico, il nuovo, la sperimentazione…solitamente si schierano gli uni contro gli altri in una battaglia a suon di battute e forchette. E io dove ci sto? Proprio in mezzo:). E tu?

Sarà che mi piacciono troppo i fiori e quindi sono dall’ animo flower power (fino a prova contraria eheheh) però il mio scopo è di trovare il modo di stare bene tutti insieme, di trovare la via tra la globalizzazione selvaggia e la tradizione e questo certo non si fa solo se ci tolleriamo a vicenda, meglio interagire, parlarci, conoscere, provare cose diverse per allargare il proprio punto di vista gastronomico e non solo…e poi si può anche non andare d’accordo e criticare:).

Sperimentando  si scopre che siamo molto più simili di quanto si possa credere anche nei gusti…provare per credere… e se ti va prova  pure questo insolito cheesecake a base di tomini freschi piemontesi.

immagini tomini freschi piemontesi

Il tomino piemontese è un formaggio cagliato tipico del Piemonte, preparato solitamente con un misto di latte vaccino e caprino. Da non confondere i tomini freschi con quelli stagionati: i tomini freschi sono bianchissimi, la pasta si presenta morbida e  umida; invece i tomini stagionati hanno una sottile crosta, la pasta leggermente paglierina e un gusto molto deciso. E il tomino fresco piemontese è quasi identico al formaggio romeno branza de vaci, sempre cagliato, umido e cremoso, a base di solo latte vaccino.

Chissà se i piemontesi mi accuseranno d’ eresia, lo stesso formaggio che loro usano per spuntini salati io lo metto nella torta dolce al forno:).

E mi viene in mente un ricordo divertente ma anche significativo legato all’ incomprensione gestuale, lo stesso gesto che in 2 culture diverse può essere interpretato diversamente. Qualche anno fa approdai per la prima volta in Italia a Padova con una borsa di studio all’università, la lingua l’avevo studiata ma non quella dei gesti:)…così una delle prime sere, nella cucina del collegio, le ragazze italiane con cui condividevo l’appartamento m’ invitarono a cena e mi fecero assaggiare delle cose tipiche italiane (non aspettatevi chissà quali piatti, eravamo tutte studentesse e la cucina serviva più come punto di aggregazione e chiacchere che per esperimenti culinari). Mentre io mi lanciavo sul piatto mangiando di gusto ed esprimendo il mio apprezzameneto in un italo-inglese-francese, loro mi fecero quel segno col dito nello zigomo…aiuto! lì mi ghiacciai, restando perplessa  con la forchetta a mezz’aria. O Dio, ma cosa ho sbagliato, mi chiesi. Perchè? Perchè in Romania si usa un gesto molto simile (battere il dito contro lo zigomo) per far capire ad una persona che si sta comportando in una maniera poco educata. Come tutte le belle storie anche questa ha un lieto fine: chiarimmo subito il malinteso tra fragorose risate e un’ altra forchettata di pasta…:)

E finalmente la ricetta (se ci sei ancora:)), ho preparato 2 versioni della ricetta della cheesecake, una usando i tomini freschi piemontesi, l’altra usando la ricotta, le variazioni con la ricotta nelle note.

foto cheesecake al forno con pasta fillo e agrumi

 Ricetta cheesecake al forno con tomini freschi, agrumi, frutta secca e pasta fillo

Ingredienti:

10 fogli di pasta fillo ognuno delle dimensioni della teglia da forno standard (ovvero 400g di pasta fillo)

600 g tomini freschi piemontesi oppure ricotta(per la sostituzione con la ricotta le spiegazioni nelle note)

300 ml latte fresco intero

1 cucchiaio di burro ammorbidito

4 uova bio (codice 0)

circa 120g burro o olio di semi per ungere i fogli di fillo

la buccia grattugiata di un’arancia non trattata(io volevo un dolce molto agrumato e ho usato anche la buccia di un limone)

150 g di zucchero semolato

1 cucchiaino di essenza di vaniglia , brandy o rum

50 g uva sultanina

50 g di albicocche secche

2-3 cucchiai di rum per ammollare la frutta secca

immagini preparazione cheesecake al forno con tomini piemontesi e pasta fillo

Come preparare la cheesecake al forno con tomini freschi piemontesi e pasta fillo

Per preparare il ripieno al formaggio

Iniziare per mettere all’ammollo le albicocche (tagliate a pezzettini) e l’uva sultanina in una ciotola con  2-3 cucchiai di rum e un po’ di spremuta d’arance oppure acqua tiepida.

In una ciotola capiente lavorare (con l’aiuto di un cucchiaio di legno) i tomini col burro morbido e lo zucchero per ottenere un composto cremoso e omogeneo,aggiungere la buccia d’arancia e mescolare. Aggiungere le uova leggermente sbattute con una forchetta e mescolare per amalgamare bene il tutto. Mescolare l’essenza di vaniglia  al latte e aggiungere il latte a filo, sempre mescolando.

Togliere le albicoche e l’uva sultanina dall’ ammollo e aggiungerle al composto (senza il liquido di rum e acqua).

Mescolare bene per amalgamare il composto ed è già pronto.

Adesso passiamo all’assemblaggio della torta cheesecake (5, dai al massimo10 minuti ed è pronta da infornare).

Preriscaldare il forno a 180°C.

Far sciogliere il burro nel microonde. Adagiare della carta da forno sulla teglia da forno ed adagiare un foglio di pasta fillo, spennellarlo delicatamente e velocemente col burro fuso, sovrapporre un altro foglio di pasta fillo, spennellarlo col burro  poi procedete allo stesso modo con gli altri tre fogli di pasta fillo. Quindi la base ha 5 fogli di pasta fillo ognuno spennellato con del burro fuso.

Versare il composto per il ripieno e distribuirlo in maniera omogenea in superficie.

Coprire con altri 5 fogli di pasta fillo procedendo nella stessa maniera usata per la base, cioè ogni foglio di pasta fillo viene spennellato bene con il burro fuso.

Spennellare abbondantemente la superficie con del burro fuso ed infornare a 180°C per 35-40 minuti circa (dipende dal forno) affinchè la superficie risulta ben dorata. Una volta pronta sfornare, decorare a piacere con zucchero a velo. Servire tiepida-calda oppure fredda dal frigo.

Note:

-più informazioni sulla pasta fillo qui

-Importante: durante la preparazione della ricetta tenete i fogli coperti con un panno da cucina (pulito) umido (quindi bagnato e ben strizzato) per non far seccare troppo la pasta fillo.

-se non trovate i tomini freschi potete sostituirli con la stessa quantità di ricotta e usare solo 250 ml di latte, aggiungendo anche un cucchiaio di farina al composto. L’interno risulterà meno cremoso e compatto ma lo stesso molto buono.

-al posto della buccia d’arance potete usare la buccia di un limone non trattato

-il burro per ungere i fogli di fillo può essere sostituito con la stessa quantità di olio di semi (non di oliva) oppure metà burro e metà olio. La pasta fillo non contiene nessun tipo di grasso(viene preparata solo con acqua e farina, quindi non preoccupatevi per i grassi:)).

-se la vostra confezione di pasta fillo ha più fogli (ho visto che per la stessa quantità-400g- varia il numero di fogli in base alla marca che la produce) divideteli in parti uguali procedendo allo stesso modo col ripieno.

– se vi piace la pasta fillo forse vorrete dare un’occhiata alla raccolta ricette (salate e dolci) con la pasta fillo.

Buon fine settimana!

 

like & share:

Ricetta Baklava alle noci e fillo dessert tipico greco

Ricetta Baklava alle noci e fillo dessert tipico greco

foto baklava alle noci dolce greco e turco

Vi manca l’estate, il sole, il cielo azzurro e soprattutto il caldo? Allora vi invito ad assaggiare il baklava, un delizioso e semplice dessert tradizionale greco a base di noci e pasta fillo che vi farà sognare :).
Il baklava ha una consistenza piacevolmente sciropposa,  con un bel contrasto tra il croccante della pasta fillo e l’interno morbido e profumato alle noci.  Il baklava è un dolce rappresentativo per la cucina greca, turca e cipriota, ed è presente anche nella cucina romena, soprattutto nella zona del sud est chiamata Muntenia (zona molto influenzata nel corso dei secoli dai greci e dai turchi). Il baklava si trova declinato in varie versioni, tutte a base di strati di pasta fillo ma farcito in vari modi: alle noci, mandorle, pistacchi. Anche la consistenza e gli ingredienti dello sciroppo variano: l’acqua e il miele sono le costanti, aggiungendo solitamente il succo d’arance oppure l’acqua di rose.
Questa ricetta del baklava è quella classica (la ricetta è sempre della mia nonna greca), invece se siete dei cioccolato-dipendenti  non perdetevi il baklava al cioccolato e noci:).
Ps: Il baklava è un dolce a portata di tutti, facile e veloce da preparare.

Baklava greco noci e fillo

Ingredienti per il baklava alle noci

250g pasta fillo (12 fogli)
150g burro non salato oppure olio
250g noci (peso senza guscio)
80g zucchero semolato
1 cucchiaino di cannella in polvere
scorza grattugiata di una grossa arancia non trattata

Per lo sciroppo:
120 ml succo d’arancia fresco (arancia spremuta e filtrata)
50 g zucchero semolato
80 ml acqua
70 ml miele fluido chiaro dal gusto molto delicato, tipo acacia o mille fiori
2 cucchiai succo di limone (limone spremuto fresco)
facoltativo: 1 cuchiaino di essenza di vaniglia (la mia ricetta qui), se usate un’altra ricetta attenzione al dosaggio (magari è più forte) oppure 2 cucchiai di brandy

Come preparare il baklava alle noci

preparazione baklava classico greco

Ricetta con foto preparazione Baklava alle noci
Tritare le noci e metterle in una ciotola assieme  allo zucchero, la scorza di limone e la cannella. Mescolare bene (io ho usato 2 cucchiai per mescolare, tipo per l’insalata) per omogeneizzare il più possibile gli ingredienti.
Accendete il forno a 160°C.
Fate sciogliere il burro (nel microonde o a bagno maria), deve diventare liquido.
Rivestire  la teglia da forno con carta da forno e  adagiare 4 fogli di pasta fillo, ognuna spennellata bene col burro fuso.
Distribuite sulla superficie metà del composto di noci e zucchero, livellando magari con l’aiuto del cucchiaio.
Adagiate gli altri 4 fogli di pasta fillo (procedendo allo stesso modo come prima, cioè ognuno spennellato velocemente col burro fuso). Coprire uniformemente con il restante composto di noci .
Adagiate gli altri 4 fogli di pasta fillo spennellati col burro fuso , spennellate la superficie col burro rimasto.
Con un coltello a lama lunga e ben affilato tagliare il baklava in rettangoli da 5 cm circa. Questa operazione di tagliare il dolce ha 2 scopi: così lo sciroppo (aggiunto dopo) penetra meglio ed in maniera uniforme e anche perchè dopo la cottura i fogli sono croccanti e tenderebbero a spezzettarsi troppo quando tagliati.
Infornate nel forno già caldo a 160°C, griglia centrale, non ventilato per circa 30-40 minuti o affinché diventa dorato.
Una volta pronto sciroppare subito come spiegato sotto.

La preparazione dello sciroppo:
Intanto preparate lo sciroppo
Mescolate tutti gli ingredienti per lo sciroppo (il succo d’arancia, lo zucchero semolato, l’acqua, il succo di limone) in una casseruola (non deve essere troppo grande perchè lo sciroppo tende ad evaporare troppo) e mettetela sul fuoco, mescolate di tanto in tanto , quando entra in ebollizione  abbassate il fuoco al minimo e fatelo sobbollire pianissimo per 5-10 minuti (lo sciroppo non deve ridursi troppo). Una volta pronto toglietelo dal fuoco, aggiungete l’essenza di vaniglia e/o il brandy (se vi piacciono), mescolate.
Versate (a cucchiaiate  ed in maniera uniforme su tutta la superficie) lo sciroppo bollente sul baklava appena sfornato. É inportante che lo sciroppo si versi sul baklava appena sfornato in modo che venga ben assorbito. Lasciate raffreddare fuori forno, una volta raffreddato copritelo con della carta da cucina.

Come servire il baklava:
Il dolce è ancor più buono se viene servito a partire dal giorno dopo, quindi se riuscite preparatelo la sera prima.
Il baklava da il meglio di sè se viene servito alla temperatura ambiente e non dal frigo (deve restare sciroppato). Essendo un dolce ricco vi consiglio di servirlo al di fuori dei pasti (come si fa con le torte).
Come conservare il baklava:
Il baklava può essere tranquillamente conservato fino a 7 giorni, a temperatura ambiente (massimo 21°C) o al fresco (non in frigo), coperto con della carta da forno ed un panno pulito in modo che non secchi.

Note: non è che voglio essere troppo pignola, ma agli inizi mi trovavo un po’ confusa circa la quantità di pasta fillo da usare: comprando la pasta fillo fresca per 250g di fillo mi ritrovavo  con 12-13 fogli di fillo della grandezza della teglia da forno standard; invece comprando quella surgelata per 275g di fillo c’erano solo 6 fogli. La verità è che in base al produttore troverete dei fogli di fillo più sottili o più spessi. Quindi per preparare questa ricetta userete  circa 250g di fillo distribuendo a metà i fogli (se sono 6 fogli, usatene 3 per la base e 3 per coprire, se sono 12 fogli com’ è capitato stavolta a me (ho usato una fillo fresca sottilissima) usatene 6 per la base e 6 per coprire…e così via).
più info circa la pasta fillo
-i fogli di fillo possono essere spennellati sia con l’olio sia col burro
– Importante: durante la preparazione della ricetta tenete i fogli coperti con un panno da cucina (pulito) umido (quindi bagnato e ben strizzato) per non far seccare troppo la pasta fillo.

Le avventure della piccola matrioska nel fantastico mondo della cucina

E nel fantastico mondo della piccola matrioska le noci si trasformano in farfalle e volano via…cosa  ne dite, le seguiamo?:)

ll sole è una fetta d’arancia e le nuvole sono -ovviamente?:)- di zucchero

fantasy le fantasiose avventure della piccola matrioska

like & share:

Torta salata di pasta fillo con verdure pollo besciamella

Torta salata di pasta fillo con verdure pollo besciamella

ricetta con foto torta di pasta phyllo con pollo e verdure
Una gustosa torta salata di pasta fillo con un ripieno cremoso di verdure, pollo e besciamella. Una torta dall’aspetto rustico, saporita e piuttosto veloce e facile da fare…io la preparo spesso per pranzo, cena, buffet ecc 🙂 e m’ha sempre colpito il suo grande successo presso amici & co…forse il suo segreto sta proprio nella semplicità.
Ps: prometto che il mio blog non diventera fillo-mono-tematico,  forse potrete perdonarmi visto che si tratta di una ricettina salata:)

ricetta con foto preparazione torta fillo verdure pollo
Ricetta torta salata di pasta fillo con verdure, pollo e besciamella

Ingredienti:
200g carne di pollo
250g misto di verdure surgelate (ho usato quelle per il minestrone di verdure)
1 dado di brodo vegetale
2 cucchiai di burro
2 cucchiai di farina
530ml latte fresco intero
Sale, pepe
Erbe di provenza o altre erbe a piacere
250g di pasta fillo ovvero 12 fogli di fillo sottilissimi (oppure una confezione da 275g con 6 fogli di fillo)* vedi note
100ml circa di  olio  oppure 120g di burro fuso per ungere i fogli di fillo oppure 120g di burro fuso

Come preparare la torta di fillo con verdure e pollo

In un pentolino far bollire la carne di pollo ( potete usare anche degli avanzi di carne bollita).
Scongelare le verdure.
Intanto preparare la salsa besciamella: in una pentolino mettere il burro (2 cucchiai), farlo sciogliere, aggiungere il dado vegetale e mescolare per omogeneizzare il tutto, fuori fuoco aggiungere la farina setacciata e poi far cuocere per un minuto mescolando continuamente ed evitando di farle prendere colore o farla attaccare.  Togliere dal fuoco e aggiungere man mano il latte ben caldo, mescolando sempre per evitare la comparsa dei grumi. Rimettere sul fuoco medio -basso e far cuocere per una decina di minuti  affinché la besciamella diventa abbastanza spessa, non dimenticare di mescolare ognitanto per non farla attaccare.
A questo punto, se dovessero formarsi dei grumi potete recuperare passando il composto attraverso un setaccio (a me agli inizi succedeva e rimediavo sempre cosi’).
Una volta che la besciamella è pronta aggiungere sale, pepe, erbe di provenza, aggiungere le verdure scongelate, la carne bollita tagliata a straccetti, mescolare un po’ per omogeneizzare ed ecco abbiamo pronto il ripieno della nostra torta.
Adesso passiamo all’assemblaggio della torta salata, facile e veloce:
Preriscaldare il forno a 180°C e adagiare della carta da forno sulla teglia da forno.
Useremo metà dei fogli di fillo per la base e l’altrà metà per coprire il composto di carne e verdure, procedendo cosi’:  adagiare un foglio di pasta fillo, spennellarlo delicatamente e velocemente con olio, sovrapporre un altro foglio di pasta fillo, spennellarlo con olio  poi procedete allo stesso modo con tutti i 6 fogli di fillo usati per la base.
Adagiare sulla superficie il ripieno di carne –verdure-besciamella provando a stenderlo in maniera più omogenea possibile. Adagiare  gli altri 6 fogli di pasta fillo seguendo lo stesso procedimento, cioè adagiare ogni foglio di pasta fillo e spennellarlo velocemente con olio .  Con un coltello a lama lunga e ben affilato tagliare (incidere profondamente senza staccare i rettangoli) la torta in grandi rettangoli(io ne ho fatti 9). Ungere bene la superficie con olio ed infornare a 180°C per 35 minuti circa (anche di più) affinchè la superficie risulta ben dorata.

Note:
Non è che voglio essere troppo pignola, ma agli inizi mi trovavo un po’ confusa circa la quantità di pasta fillo da usare: comprando la pasta fillo fresca per 250g di fillo mi ritrovavo  con 12-13 fogli di fillo della grandezza della teglia da forno standard; invece comprando quella surgelata per 275g di fillo c’erano solo 6 fogli. La verità è che in base al produttore troverete dei fogli di fillo stessi più sottili o più spessi. Quindi per preparare questa ricetta userete  circa 250g di fillo distribuendo a metà i fogli ( se sono 6 fogli, usatene 3 per la base e 3 per coprire, se sono 12 fogli come è capitato stavolta a me (ho usato una fillo fresca sottilissima) usatene 6 per la base e 6 per coprire…e cosi’ via).
qui troverete più info circa la pasta fillo
-i fogli di fillo possono essere spennellati sia con l’olio sia col burro, stavolta ho preferito l’olio

– su giallozafferano la ricetta filmata per preparare la besciamella

(questa ricetta è tratta dal libro “500 ricette di crostate e sfogliate” di Anne Baugniet, io ho semplicemente sostituito la pasta sfoglia con la fillo e ho usato le verdure scongelate senza bollirele o saltarle in padella)

ricetta con foto torta salata di pasta fillo con verdure pollo besciamella

like & share:

Spanakopita torta greca di pasta fillo spinaci feta greca

Spanakopita torta greca di pasta fillo spinaci feta greca

                                                                                                                                                                                                                        versiunea in limba romana mai jos

Tanti auguri di Buon Anno con la spanakopita, una torta tipica greca di pasta fillo, spinaci e feta greca: un guscio croccante e leggero a sottilissimi strati di pasta fillo ed un ripieno gustoso, leggero e pure sano a base di spinaci, formaggio e yogurt. La ricetta della spanakopita è quella della mia nonna greca, esistono anche versioni leggermente diverse:).

immagine spanakopita torta tipica greca con fillo spinaci formaggio

Ho pensato di inizare il nuovo anno con questa ricetta perchè mentre stavo spennellando questi sottili e fragili  fogli di fillo che qualche volta si rompono un pò durante la preparazione, altre volte si riesce ad adagiarli perfettamente…ed ho trovato che fosse una bella analogia con la vita di ogni giorno: magari un giorno le cose ci vanno storte ed imperfette,  invece tanti altri giorni sono belli e ricchi di emozioni, persone …e che sovrapponendoli tutti formano un insieme, la nostra vita…vi auguro che nel 2012 possiate spennellarvi la tela della vita con le cose che più desiderate!

 

Ricetta Spanakopita –torta greca di pasta fillo, spinaci e formaggio feta greca

Ingredienti per una teglia da forno:

12 fogli di pasta fillo (fresca o decongelata) ognuno delle dimensioni della teglia da forno standard (ovvero 250g di pasta fillo)

500g spinaci

350 g formaggio feta greca

150g yogurt greco

3 uova

1 cucchiaio di burro per gli spinaci

120g burro per ungere i fogli di fillo

2 cucchiaini d’ aneto essiccato o fresco oppure 1 cucchiaino scarso d’ origano essiccato

uno spicchio di aglio

sale, pepe, una spolverata di noce moscata

 

Come preparare la torta spanakopita:

ricetta con foto passo passo preparazione spanakopita greca

immagini preparazione spanakopita torta greca con pasta fillo spinaci feta

Iniziare col preparare gli spinaci: in una padella molto capiente mettere il cucchiaio di burro e l’aglio schiacciato con una forchetta, quando si scioglie aggiungere gli spinaci e far cuocere a fuoco bassissimo per una decina di minuti affinchè diventano morbidi. Non bisogna cuocerli troppo , ma solo lessarli visto che poi li passiamo nel forno. Farli raffreddare un momento poi farli scolare attraverso un colino, gli spinaci tendono a rilasciare tanta acqua che bisogna eliminare per poi non bagnare troppo la pasta fillo, quindi io ho strizzato gli spinaci bene con le mani per renderli i più asciutti possibile. Tritare gli spinaci (con il coltello o le forbici:)) e metterli in una ciotola capiente. Sbriciolare il formaggio feta greca, aggiungere lo yogurt greco e mescolare un momento per amalgamare il tutto.

In un’ altra ciotola sbattere leggermente le uova, aggiungere l’aneto, la noce moscata, il pepe, il sale. Aggiungere il composto di uova a quello di formaggio e yogurt, mescolate un momento per amalgamare bene. Unire il composto di uova e formaggi agli spinaci, mescolare bene per amalgamare ed ecco che abbiamo ottenuto il nostro ripieno di spinaci e formaggio per la spanakopita.

Adesso passiamo all’assemblaggio della torta spanakopita (5, dai al massimo10 minuti ed è pronta da infornare).

Preriscaldare il forno a 180°C.

Far sciogliere il burro(120g) nel microonde, farlo intiepidire un momento. Adagiare della carta da forno sulla teglia da forno ed adagiare un foglio di pasta fillo, spennellarlo delicatamente e velocemente col burro fuso, sovrapporre un altro foglio di pasta fillo, spennellarlo col burro  poi procedete allo stesso modo con il terzo ed ultimo foglio di pasta fillo. Adagiare sulla superficie un terzo del ripieno spinaci-formaggio precedentemente preparato, provando a coprirlo in maniera più omogenea possibile. Adagiare altri 3 fogli di pasta fillo seguendo lo stesso procedimento, cioè adagiare ogni foglio di pasta fillo e spennellarlo velocemente col burro . Aggiungere un altro terzo del composto e siamo a 6 fogli di fillo già usati, aggiungere nuovamente un terzo del composto di spinaci e feta, seguire con i tre fogli di fillo e ripetere il tutto fino a finire i fogli ed il ripieno.

Alla fine  avremo una torta fatta di 3 strati di spinaci-formaggio e 4 strati di pasta fillo, l’importante è finire con 3 fogli di pasta fillo, spennellare bene la superficie col burro.

Con un coltello a lama lunga e ben affilato tagliare (incidere profondamente senza staccare i rettangoli) la spanakopita in rettangoli da 5 cm circa, questa operazione serve perchè dopo la cottura i fogli sono croccanti e tenderebbero a spezzettarsi troppo quando tagliati. Versare sopra l’eventuale burro fuso rimasto ed infornare a 180°C per 25 minuti circa (anche di più) affinchè la superficie risulta ben dorata.

 

Note:

-più informazioni sulla pasta fillo

-Importante: durante la preparazione della ricetta tenete i fogli coperti con un panno da cucina (pulito) umido (quindi bagnato e ben strizzato) per non far seccare troppo la pasta fillo.

-se la vostra confezione di pasta fillo ha più fogli (ho visto che per la stessa quantità-450g- varia il numero di fogli in base alla marca che la produce) divideteli in parti uguali procedendo allo stesso modo col ripieno.

-volendo velocizzare un pò con le stesse quantità potete realizzare la spanakopita con soli 3 strati (4 fogli fillo*metàripieno+4 fogli fillo+ l’altra metà ripieno, finire con altri 4 fogli di fillo).

-come conservare la spanakopita: la torta si conserva per qualche giorno nel frigo, coperta con un foglio di alluminio per non assorbire troppa umidità.

– se vi piace la pasta fillo forse vorrete dare un’occhiata alla raccolta ricette (salate e dolci) con la pasta fillo.

immagine spanakopita torta tipica greca con pasta fillo spianci e formaggio

 

-versiunea in limba romana-

Spanakopita  este o placinta traditionala greceasca cu spanac si branza telemea, gustoasa, sanatoasa si usor de facut.

Ingrediente pentru a obtine o tava de placinta(am folosit tava standard de dimensiunea cuptorului)

250g foi de placinta proaspete sau decongelate (12 foi erau la mine)

350g telemea de vaca sau oaie(eu de oaie)

500g de spanac proaspat, spalat si curatat

150g iaurt gras si dens

3 oua

o lingura buna de unt pentru a cali spanacul

un catel de usturoi zdrobit cu furculita

120g de unt pentru a unge foile de placinta

2 lingurite de marar uscat sau proaspat

un varf de praf de nucsoara (daca va place)

sare, piper

Cum pregatim spanakopita:

Intai pregatim spanacul : punem lingura de unt intr-o tigaie mare, cand s-a topit adaugam usturoiul zdrobit si spanacul si il lasam sa se caleasca 5-10 minute pana se inmoaie(nu-l fierbeti prea mult pentru ca apoi oricum il dam la cuptor). Dupa ce spanacul s-a racit putin il strecuram bine printr-o sita pntru a elimina toata apa in execes(spanacul lasa o gramada de apa), eu l-am stors si cu mainile pentru a fi sigura ca devine cat mai uscat, apoi il maruntim (cu ajutorul unui cutit sau foarfeceleor de bucatarie) si il punem intr-un vas incapator.

Intr-un alt vas maruntim branza telemea(cu mainle sau cu razatoarea), adaugam iaurtul si amestecam putin cu o lingura pentru a amalgama bine.

Intr-o farfurie batem usor ouale cu o furculita, adaugam mararul, nucsoara, piperul, sarea si adaugam ouale peste branza si iaurt. Amestecam bine pentru a amalgama. Turnam compozitia peste spanacul maruntit, amestecam bine si gata, am obtinut umplutura noastra pentru spanakopita.

Tapetam tava cu hartie pergament, incalzim cuptorul la 180°C, topim untul(120g) si incepem asamblarea placintei direct in tava: punem in tava o foaie de placinta, o ungem bine si repede cu unt, adaugam o alta foaie, o ungem cu unt si apoi asezam a treia foaie de palcinta si ultima, o ungem cu unt  si varsam o treime din compozitia de branza+ spanac distribuind-o cat mai omogem pe suprafata. Adaugam alte 3 foi de placinta cu acelasi procedeu(fiecare unsa cu unt), o alta treime de umplutura, altre 3 foi, ultima treime de umplutura si finalizam cu 3 foi de placinta. Ungem bine suprafata cu unt si cu ajutorul unui cutit ascutit si cu lama larga taiem placinta(inciziile trebuie sa fie destul de profunde) in patrate de 5 cm circa…nu stati sa masurati, ideea e ca placinta se taie inainte pentru ca asa se coace mai bine si apoi e mai usor de servit. Daca v-a mai ramas unt topit folositi-l pentru a stropi placinta.

Dam la cuptor (180°C) pentru aproximativ 25 de minute sau pana cand suprafata devine aurie.

Pofta buna!

Con questa ricetta partecipo al contest di Veru “Yogurtino Sopraffino, rendi speciale il tuo piattino”

like & share:

Strudel di pasta fillo alle mele e spezie

Strudel di pasta fillo alle mele e spezie

 

immagine foto strudel di pasta fillo alle mele e spezie

C’era una volta una ragazza che giocava con le parole, a volte riusciva a trasformarle in piccole farfalle colorate, allegre, sì ma che duravano solo per qualche giorno, a volte riusciva a trasformare le parole in uccelli delicati, ma forti che spiccavano il volo e attraversavano lo spazio e il tempo per portare lontano la loro carica emotiva…invece a volte le parole prendevano vita e andavano a vivere per conto loro.

La ragazza che giocava con le parole sono io e questa volta il gioco con le parole è un ritorno alla semplicità: uno strudel di pasta fillo e mele, un dessert tipico romeno ma che forse saprà conquistarvi con il contrasto tra la croccantezza della pasta fillo e il ripieno genuino e profumato alle mele e spezie.

quindi ecco uno strudel vampiresco perfettamente commestibile:).

Ricetta Strudel di pasta fillo alle mele e spezie

Per 4 strudel

400g di pasta fillo scongelata

1kg di mele (ho usato la mela carpendola ottima per la cottura)

100g un mix di uvetta e albicocche secche

100 g di zucchero di canna bruno

50g di burro + 50g di olio di semi (oppure 100g di burro)

1 limone bio non trattato

1 cucchiaino di essenza di vaniglia

canella q.b.

noce moscata q.b.

zucchero a velo per decorare

ricetta con foto preparazione strudel di pasta fillo alle mele

ricetta con foto preparazione strudel di pasta fillo alle mele e spezie

 

Come preparare lo strudel di pasta fillo

Far ammollare per almeno 10 minuti l’uvetta con 2 cucchiai di rum e poca acqua tiepida, poi eliminare l’acqua.

Ricoprire una teglia da forno con carta da forno.

Far sciogliere il burro nel microonde, farlo intiepidire e mescolarlo con l’olio.

Sbucciare le mele, eliminare il torsolo e tagliarle  a cubetti piccoli, metterli in una ciotola capiente e aggiungere 2 cucchiai di succo di limone, il mix di albicocche secche e uvetta, la scorza grattugiata del limone, l’essenza di vaniglia, le spezie (cannella e noce moscata) e lo zucchero, mescolare delicatamente con le mani per coprirle in maniera uniforme.

Sul piano di lavoro stendere un foglio di carta da forno per facilitare la lavorazione, adagiare un foglio di pasta fillo, spennellarlo delicatamente e velocemente col mix di olio e burro fuso, sovrapporre un altro foglio di pasta fillo, spennellarlo col buro  poi procedete allo stesso modo con il terzo ed ultimo foglio di pasta fillo.

Adagiare un quarto  del composto di mele sul lato più corto lasciando un paio di centimetri dal bordo, ripiegare in dentro gli angoli, spennellare anche questi con l’olio e poi arrotolare lo strudel nel senso dlla lunghezza, la chiusura dovrebbe venire a contatto con la teglia. Trasferirlo nella placca da forno e spennellarlo bene in superficie col composto di olio e burro.

Procedere allo stesso modo per realizzare gli altri 3 strudel, con queste quantità vengono 4 strudel piccoli.

Infornare nel forno già caldo a 180°C, sul ripiano centrale, per 40 minuti circa oppure affinchè la superficie diventi un dorato scuro. Lasciate raffreddare e spolverizzatelo a piacere con lo zucchero a velo.

Potete accompagnare il dolce con della panna acida (crème fraiche) oppure panna montata.

Variazioni: Potete tranquillamente omettere o sostituire le spezie se non vi piacciono, oppure aumentare/diminuire lo zucchero.

Più info sulla pasta fillo e qui la raccolta delle ricette con la pasta fillo, una ricetta simile ma a mio avviso più veloce qui.

 

immagine foto strudel di pasta fillo alle mele

 

Le avventure della piccola matrioska nel fantastico mondo dei dolci (oppure giocare con frutta divertente)

Nell’ultimo episodio la piccola matrioska aveva avuto un incontro da brivido con la mela gialla con la bocca cucita (cucita per non poter mangiare la matrioskina). Ma ecco che invece di finire nella torta la mela gialla si è liberata e sta inseguendo la piccola matrioska…aiuto!

frutta divertente mela divertente

Colpo di scena la comprasa del conte Dracula, il famoso vampiro dei Carpazi…la mela gialla non si sta più divertendo tanto, anzi mi sembra un po’ esaurita ed in preda al panico. Chi avrà la meglio?

frutta divertente mela divertente

like & share:

Cestini di pasta fillo con feta greca, mele e aneto

Cestini di pasta fillo con feta greca, mele e aneto

Con la scusa che “una mela al giorno toglie il medico di torno”, finisco per infilarla un po’ dappertutto, anche nei piatti salati come questi croccanti cestini di pasta fillo, mele e feta greca.

ricetta con foto cestini di pasta fillo con feta greca mele aneto

Questini cestini – antipastini sono genuini, semplici e veloci da preparare, ottimi da mangiare come spuntino tutti i giorni, fanno anche bella figura ad una cena con gli amici (infatti hanno avuto un successo inaspettato).

L’abbinamento formaggio – mele è forse inusuale per i gusti italiani (dicono invece che sia di casa nei paesi nordici, c’è qualcuno che me lo può confermare?…) ma io, che tanto italiana non sono, lo amo molto per l’armonia dei sapori contrastanti: quello fruttato, un po’ dolce e acidulo della mela e quello deciso del formaggio feta greca. Nella preparazione ho aggiunto anche l’aneto-più info sotto-, una pianta che amo, il gusto ricorda vagamente il finocchietto selvatico, ma in Italia o almeno nel Nord, mi risulta fosse poco conosciuta, fino a quest’anno  ho sempre importato i semi dalla Romania e li ho fatti crescere nell’ orto sul mio terrazzo.

Ricetta per preparare i cestini di pasta fillo con feta greca, yogurt greco, mele e aneto

Ingredienti per 12 cestini di pasta fillo

-ho usato una stampo da 12 mini-muffins, ma potete usare anche gli stampini in alluminio usa e getta-

– una confezione da 270g circa di pasta fillo

-1 mela

-200g di feta greca (ho usato una a base di latte di pecora)

-100g di yogurt greco

-1 cucchiaio di aneto essiccato oppure aneto fresco

-pepe

-40 ml o q.b. olio di semi

ricetta con foto preparazione cestini fillo feta mele

Come preparare i cestini di pasta fillo con feta greca e mele

In una ciotola sbriciolare la feta greca, aggiungere lo yogurt greco, l’aneto e il pepe e mescolare per omogeneizzare  ed ottenere una cremina.

Sbucciare la mela e tagliarla a fette.

Spennellare con olio gli stampini.

Sul piano da cucina  stendere un foglio di pasta fillo, spennellarlo bene con l’olio, sovrapporre un altro foglio di pasta fillo spennellandolo bene con olio e finalmente sovrapporre anche il terzo foglio di pasta fillo spennellandolo ben con olio. Ritagliare i fogli di fillo in quadrati da 10 cm circa e adagiarli negli stampini.

Aggiungere in ogni cestino un cucchiaio del composto al formaggio, yogurt e aneto. Adagiare una fettina di mela in ogni cestino, ripiegare i bordi dei cestini nel caso dovessero fuoriuscire.

Infornare nel forno già caldo a 180°C per 20° minuti circa, oppure affinchè diventano dorati.

Nel caso in cui dovessero scurire troppo in superficie copriteli con un foglio d’ alluminio. L’importante è che diventino croccanti anche i fogli interni.

Servire ben caldi.

I cestini si possono conservare nel frigo per qualche giorno.

Note:

ho sbucciato la mela solo all’ ultimo momento per evitare di farla annerire,

non ho aggiunto del sale siccome il formaggio era già salato.

Più info sulla pasta fillo qui

Proprietà e usi  Aneto

aneto(in latino Anethum graveolens)

immagine foto aneto proprietà e usi in cucina

Proprietà aneto: Le sue proprietà hanno blandi effetti benefici per lo stomaco: digestive, aperitive, carminative (favorisce la fuoriuscita dei gas intestinali), antispasmodiche (attenua gli spasmi muscolari, e rilassa anche il sistema nervoso), diuretiche e anti-infiammatorie, calmanti e preparatorie per il sonno.

L’aneto in cucina

L’Aneto è coltivato come pianta da condimento. Le foglie e i semi sono molto aromatici, ricorda il finocchio per il suo odore e proprietà. Si usa moltonell’Est Europeo, Germania, Francia, Scandinavia, ma anche in India, e in numerosi altri paesi del mondo prevalentemente in piatti a base di pesce.
Inoltre le foglie, fresche o secche, sono impiegate per aromatizzare differenti preparazioni culinarie, generalmente le insalate, i pesci, le carni e le salse; mentre i semi servono per profumare i liquori e le confetture. Dai semi si ricava anche un olio.

-info da wikipedia

autuno

Le avventure della piccola matrioska in cucina (divertirsi giocando con la frutta)

l’incontro con la mela gialla con la bocca cucita

Matrioska incontra La Mela Gialla uscita dal film “Coraline e la porta magica”. Matrioska, non spaventarti, ha la bocca cucita e non può mangiarti! E tra poco finirà nei cestini di fillo!:)

mela divertente

like & share:

Pdf contest raccolta ricette con la pasta fillo

Pdf contest raccolta ricette con la pasta fillo

Evviva finalmente la raccolta in pdf del contest ricette con la pasta fillo! La raccolta può essere scaricata in pdf qui

raccolta ricette con la pasta fillo

La raccolta contiene tutte le ricette salate e dolci con la pasta fillo, le ricette per preparare la pasta fillo in casa, consigli per trovare, usare e conservare la pasta fillo. Le ricette sono divise in ricette salate con la pasta fillo e ricetet dolci con la pasta fillo, le ricette sono presentate in ordine alfabetico e accompagnate da foto(ho inserito 2 foto per ricetta solo dove le foto erano diverse-con l’interno  o con le foto del procedimento).

ps: Mi scuso per il ritardo.

Buon lunedi’!

like & share: