Prevenire il colpo di calore nel cane a casa e in vacanza

Prevenire il colpo di calore nel cane a casa e in vacanza
Prevenire il colpo di calore nel cane a casa e in vacanza

Non appena tornata dalle vacanze mi sono trovata nel bollente abbraccio del caldo e mi sono resa conto che non ho ancora scritto sul blog della prevenzione del colpo di calore nel cane, anche se è la mia preoccupazione più grande quando viaggio con la mia 4 zampe (ovvero quasi sempre), soprattutto adesso che è diventata più vecchia e patisce di più il caldo.

I cani non sudano attraverso la pelle come gli umani ma dalle zampe e dal naso…visto che quando fa caldo l’asfalto diventa bollente (o la sabbia ecc.), è facile capire come mai i cani patiscano tanto i il caldo. Sono rimasta colpita quando ho letto che una volta che la temperatura del cane raggiunge il limite, i danni al sistema cellulare del corpo e agli organi possono diventare irreversibili, portando anche alla morte. Quindi col caldo e soprattutto se sono in viaggio (ma anche nelle lunghe passeggiate domenicali), il mio incubo più grande è il colpo di calore nel cane….largo agli allarmismi però faccio sempre attenzione.

come prevenire i colpi di calore nel cane

come prevenire i colpi di calore nel cane

Tutti queste precauzioni per prevenire il colpo di calore nel cane sono di buonsenso ma non guasta mai ripeterle, aspetto anche le vostre:

  • non lasciare mai il cane chiuso nella macchina, neanche per pochi minuti, anche se è all’ombra con i finestrini aperti. La macchina diventa comunque un forno in giro di pochi minuti ( fate una prova con voi stessi, mentre siete fermi in fila al semaforo, spegnere l’aria condizionata e aprire i finestrini…ecco, fa troppo caldo);
  • non lasciare il cane chiuso fuori sul balcone al sole (purtroppo a volte mi è capitato di vedere dei casi);
  • evitare di fargli fare le passeggiate nelle zone troppo soleggiate e nei giorni caldissimi…meglio portarlo a spasso nelle ore fresche: mattina presto e sera, e nelle zone dove ci sono anche dei tratti ombreggiati;
  • acqua fresca, tanta acqua da avere sempre a portata di mano. Io ne sono ossessionata. Nelle mie passeggiate (pure quelle nel parco vicino casa) porto sempre una bottiglia d’acqua, per offrire da bere al cane;
  • bagnare la testa del cane con un po’ d’acqua (lo faccio sia fuori che a casa quando la vedo con la lingua lunga).

 

Alcuni tipi di cani sono più sensibili al calore, in particolare i cani obesi e le razze brachicefalo come i Bulldogs, ma anche i cani più anziani. Infatti la mia Michi ha 11 anni e ho notato che patisce molto di più il caldo rispetto a qualche anno fa.

 

Se mi leggete da più tempo sapete ormai che viaggio quasi sempre con il 4 zampe a seguito, quindi quando pianifico le vacanze penso anche se sono fattibili col cane dal punto di vista delle temperature, ovvero:

  • il periodo : se possibile meglio evitare di andare in vacanza nei mesi caldi come luglio ed agosto (ovviamente dipende anche dove si va…solitamente in questo periodo in Italia io vado solo in montagna o sul lago);
  • la destinazione è adatta anche al cane? (non è che fa troppo caldo?);
  • giro le città – i paesini nelle ore più fresche, al mattino o tardo pomeriggio –sera;
  • andare in spiaggia col cane – solitamente le vacanze le faccio in posti dove posso abbinare mare e montagna. In spiaggia mi fermo poco, un paio d’ore al mattino e un paio d’ore al pomeriggio dopo le 16-17. Il cane sta sempre all’ombra sotto l’ombrellone. Cerco delle spiagge con una pineta a ridosso, in modo da poter stare più all’ombra e al fresco (l’ombrellone protegge ma neanche tanto). Se mi sembra che il cane patisce troppo il caldo piuttosto lo lascio tranquillo al fresco in albergo (agriturismo o quel che sia)…ovviamente qui dipende anche dal tipo di cane che si ha, se resta tranquillo da solo.
  • Viaggiare in nave – ho viaggiato in nave assieme al cane per visitare la Sardegna e la Corsica, ho preso sempre quelle navi che permettono l’accesso al cane anche all’interno e nelle cabine, non viaggerei mai con navi che li stipano fuori in una zona al sole
  • Certe attrazioni turistiche(grotte, miniere, castelli ecc) che non permettono l’accesso del cane si sono dotate di posticini dove lasciare il cane per il tempo dovuto a visitare l’attrazione (tipo le grotte di Postumia in Slovenia). Assicurasi che si trovino all’ombra e che il cane abbia acqua fresca a disposizione

 

precauzioni caldo cane al mare e in viaggio

precauzioni caldo cane al mare e in viaggio

 

Quali sono i sintomi del colpo di calore

  • Il cane ansima affannosamente, cammina barcollando, sembra disorientato.
  • Le gengive sono di un colore rosso scuro, le mucose di gola e bocca sono secche e la saliva è densa. Il cane è in posizione supina e non vuole o non riesce ad alzarsi.
  • Aumento della temperatura rettale (però questo è difficile controllare quanto si passeggia, non so voi ma io non giro con un termometro) .

Cosa fare se si sospetta un colpo di calore

  • Mettere il cane all’ombra e al fresco, lontano dal sole.
  • Per raffreddarlo mettere degli asciugamani bagnati freschi , intorno alla testa, alle zampe ma anche sul corpo. I pareri dei veterinari sono discordanti sull’ uso dell’acqua molto fredda o il ghiaccio, quindi io evito di farlo, usando solo acqua fresca.
  • Offrire al cane dell’acqua fresca, ma non forzarlo a bere . Personalmente mi bagno le mani e le metto vicino al muso, per invogliarlo a leccarle e poi magari bere.
  • Andare subito dal veterinario. Anche se il cane sembra stia meglio , fatelo visitare siccome i possibili danni interni potrebbero non essere visibili.

 

E voi che precauzioni prendete per prevenire il colpo di calore nel cane, avete mai avuto dei problemi?

 

P.S.: la foto di Michi con occhiali da sole l’ho messa per stemperare un po’ l’angoscia…ovviamente in spiaggia non li porta, anche se nei negozi per animali vedo cappellini e occhiali da sole per cani, sinceramente mi sono sempre chiesta se davvero qualche cane li usa.

 

 

 

 

 

like & share:

8 Responses »

  1. Complimenti, post davvero molto utile per aiutare con questo caldo i nostri amici a 4 zampe!

  2. Hai proprio ragione! Tutti ottimi accorgimenti, pensa che io lascio anche acceso il ventilatore quando non ci sono, ovvio… non glielo punto addosso ma almeno si muove un po’ d’aria!

  3. Ciao Stefania, non ho il ventilatore anche se pensavo seriamente di comprarmene uno…il fatto sta che patisco troppo l’aria condizionata in ufficcio, sembra stare al Polo Nord. Io lascio anche la porta aperta sul balcone, non cambia moltissimo a livello di temperature.

  4. Michi con gli occhiali è una vera star!!

    Sai che anche io sto attentissima a questa cosa? Con il sole di questi giorni cerco di uscire in orari più freschi e se noto che Newton ansima troppo per il caldo gli bagno la testa e le ascelle con acqua fresca. Ovviamente mai mai mai chiuso in auto (ma neanche d’inverno non esiste proprio) e sempre acqua da bere a disposizione.
    Queste regole valgono a casa come in viaggio e come te cerco di organizzare le vacanze anche in funzione alle sue esigenze.

    Poi devo dire che Newton ama fare i tuffi, anche l’altro pomeriggio si è tuffato qui nel lago per rinfrescarsi!! 🙂

  5. Ciao Silvia!Grazie :). Anch’io in casa, se noto che ansima troppo -come capita col caldo di questi giorni- la tampono u tutto il corpo con un asciugamano bagnato. Hai argione, in macchina non vanno mai lasciati da soli…non so coem fanno gli altri cani, ma Michi non appena sente che mi tolgo la cintura di sicurezza, prima ancora di apire la portiera, si mette e piangere per uscire dalla macchina. Michi non ama nuotare (solo quest’anno in Croazia si è fatta il bagno, ne sono rimasta colpita 🙂 ) , diversamente le avrei preso una mini piscina gonfiabile da tenere sul balcone, in modo che possa rinfrescarsi :). Un bacione a te e Newton!

Rispondi