Tra sorrisi e chiese scolpite nella roccia – tour Valle Soganli in Cappadocia Turchia 8

Tra sorrisi e chiese scolpite nella roccia – tour Valle Soganli in Cappadocia Turchia 8
Tra sorrisi e chiese scolpite nella roccia – tour Valle Soganli in Cappadocia Turchia 8

[Cappadocia, Turchia, in riva al lago] Ma …c’è la candid camera da qualche parte? Mi sono chiesta mentre cercavo di nascondermi timidamente dietro alla guida turistica che (col nostro crescente stupore divertito) avvicinava delle famiglie turche intente a fare il picnic nel parco, presentandoci come dei turisti…mica volevano offrirci un bicchiere di tè? E tutti ci invitavano alla tavola imbandita di ogni bontà: gli uomini grigliavano la carne, le donne mettevano la tavola, le ragazzine che fino a un momento prima stavano in disparte a chiacchierare e ridere ci hanno accerchiati e mitragliati di mille domande, sullo sfondo i ragazzi giocavano a palla… tolte le sciarpe dalla testa (e le tradizionali teiere) la foto non avrebbe rivelato nulla di diverso rispetto ai picnic nostrani in famiglia… un incontro insolito che mi conferma il pensiero che nonostante tutto (il colore della pelle, la religione, gli usi e costumi) in fondo siamo tutti uguali nella nostra diversità.

Tour nella Valle di Soganli - Cappadocia, Turchia

Tour nella Valle di Soganli – Cappadocia, Turchia

Ma di cosa sto parlando? Ti chiederai – ed hai ragione :).

Durante il mio viaggio in Cappadocia ho fatto un’escursione – tour di un giorno con una guida locale nella Valle di Soganli – Cappadocia (Turchia), alla scoperta delle chiese bizantine scolpite nella roccia circondate da un paesaggio lunare da set ideale per un film di fantascienza (infatti la guida immancabilmente ti dirà che qui è stato girato Star Trek).

Dopo aver visitato un po’ di chiese scolpite nella roccia e fatto un fastuoso pranzo tradizionale turco, la guida ci ha proposto di andare a prendere un tè da qualche parte…così arriviamo in un grande parco in riva al lago pieno di gente a picnic: famiglie con adolescenti in jeans e felpa accanto all’amica col velo in testa, famiglie tradizionali con lei coperta dalla testa ai piedi…e la guida ha avvicinato 3-4 gruppi diversi per chiedere un bicchiere di tè per noi… il resto te l’ho raccontato all’inizio :)… aggiungo solo che l’ospitalità turca è incredibile!

Cibo Cappadocia - pranzo turco

Cibo Cappadocia – pranzo turco

Stavolta l’immagine non vale mille parole semplicemente perchè non c’è. Hai presente quelle foto con gente esotica dai sorrisi che ti riscaldano il cuore? Ebbene, di foto così io purtroppo non ne ho :)…l’unico ricordo di questo picnic è la foto del cibo che cuoce sul fuoco ed un piatto di dolce baklava. Loro si sono fotografati con noi, invece io non ce l’ho fatta….timidezza ma anche la sensazione che puntando la macchina fotografica verso una persona appena conosciuta la trasformi un po’ in un oggetto… fare dei ritratti di viaggio è un’arte…dell’anima.

Ritornando al tour nella Valle di Soganli  è una delle vallate della Cappadocia meno visitate dai turisti (anche perchè solitamente i viaggi organizzati propongono un vero tour de force per visitare la Cappadocia in un paio di giorni).

La zona è affascinante per le chiese, alcune con affreschi conservati (non molto bene)…bellissimo passeggiare nel paesaggio lunare per scorpirle. Io mi sono affidata ad un’agenzia locale contattata e prenotata in loco a Goreme (il paesino che avevo scelto come base per visitare la Cappadocia)…eravamo solo 2 coppie così il tour è stato più breve…ma molto emozionante:).

Tour nella Soganli valley – Cappadocia in immagini

Mustafapasa (Sinasos) Cappadocia, Turchia

Mustafapasa (Sinasos) Cappadocia, Turchia

Questa zona della Cappadocia è molto interessante anche per gli eventi della storia recente: qui vivevano dei turchi di etnia greca fino al 1923 quando cè stato un cambio di popolazioni tra la Turchia e la Grecia: i turchi di etnia greca sono stati mandati in Grecia, portando al loro posto i greci di etnia turca dalla Grecia. Il paesino di Mustafapasa (Sinasos) è uno dei villaggi che conserva meglio l’impronta greca nell’architettura delle case .

A spasso nel paesino Mustafapasa Cappadocia

A spasso nel paesino Mustafapasa(Sinasos) Cappadocia

Porta Mustafapasa Cappadocia

Porta Mustafapasa Cappadocia

Per chi ama l’artigianato ( io ne sono innamorata….questa passsione cresce sempre di più) è un tripudio di colori: ceramica, sciarpe, tappeti, coperte…colori vivaci ma abbinati con molto gusto, pezzi unici fatti a mano e non i soliti souvenirs in serie). Una cosa tipica sono anche queste bambole che le donne del villaggio di Mustafapasa (prima del 1923 il paesino portava il nome greco di Sinasos) usavano da sempre fare nelle fredde giornate invernali.

Nonna e nipote vendendo delle bambole tipiche di questa zona della Cappadocia

Nonna e nipote vendendo delle bambole tipiche di questa zona della Cappadocia

bambole artigianali Cappadocia Turchia

bambole artigianali Cappadocia Turchia

Chiese scolpite nella roccia nella Valle di Soganli - Cappadocia

Chiese scolpite nella roccia nella Valle di Soganli – Cappadocia

Interno chiese dipinte nella Valle di Soganli Cappadocia Turchia

Interno chiese dipinte nella Valle di Soganli Cappadocia Turchia

Chiesa scolpite nella roccia Soganli Valley Cappadocia

Chiesa scolpite nella roccia Soganli Valley Cappadocia

E con questo ho finito i racconti del mio viaggio in Cappadocia…forse vuoi vedere anche il riassunto con le altre puntate (cosa vedere e cosa fare in Cappadocia). Intanto ho una sorpresina per te: questa bambolina artigianale in miniatura.! In regalo per chi avesse voglia di lasciarmi un commento qui (nel post riassunto del viaggio in Cappadocia), dicendo qual’è il posto della Cappadocia (tra quelli presentati) che lo ispira di più. Ti aspetto fino a domenica 30 novembre 2014, a mezzanotte! 🙂 -ora italiana-.

ps: prossimamente i racconti di Istanbul !

Bambola artigianale Cappadocia

Bambola artigianale Cappadocia

Later edit del 01/12/2014: and the winner is :)! Lucia! Aspetto il tuo indirizzo per spedirti la bambola turca…e grazie a tutti per il commento!

 

and the winner is :)

and the winner is 🙂

 

 

like & share:

15 Responses »

  1. Grazie per aver risvegliato in me antichi ricordi…! Andai in Cappadocia in camper nel lontano, lontanissimo 1987. Esperienza unica e irripetibile. Ho trovato il popolo più cortese al mondo. Ed io di viaggi ne ho fatti tanti! Numerose volte in India, Laos, Cambogia, Thailandia, Vietnam, Myanmar, Marocco, Sudafrica, Namibia, Kenia, Egitto, Grecia, Argentina, Bolivia, Messico, parchi dell’Ovest USA….e Turchia (oltre all’Europa e Italia). Ebbene i turchi sono stati, per me, le persone più gentili e cordiali che ho trovato.
    Ho degli amici che 3-4 anni fa hanno fatto un trekking in quelle vallate e mi son ripromesso di ritornarci, a fare un trekking. Mi accompagni?
    Albino

  2. Bellissima zona veramente … a me piacerebbe molto vedere queste chiese in roccia e anche fare un giro dall’alto 😀

  3. anche io son stata tantissimi anni fa in turchia (più di venti!!!!).. ci son andata in gita per una quindicina di giorni girando un po’ il nord ma soprattutto istambul e antalia in compagnia di 5 amici più grandi di me TUTTI architetti che mi “raccontavano” qualunque cosa io vedessi partendo da Adamo ed Eva: ogni sasso era un “reperto”!!!! è stato un viaggio bellisssssssssimo, ho incontrato un popolo ospitale e gentile e il ricordo di quei paesaggi, di quei colori, di quei profumi è ancora presente e persistente nel naso e nel cuore!!!

  4. Spettacolare Cappadocia…complimenti per le foto ed ora siamo in attesa di Istanbul!

  5. Ciao Anka, che meraviglia.. le tue parole, la gente, i panorami…..
    Il mondo è bello!!!

  6. Ciao Albino, grazie a te! In camper dall’Italia? Fortissimo, complimenti! ma quanto ci hai messo, dove ti sei fermato lungo la strada? Ma quanti viaggi, complimenti! Mi piacerebbe molto tornare in Cappadocia e anche a Istanbul!( la prossima volta, oltre al trekking -già fatto, ma non è mai abbastanza! :)- mi piacerebbe molto fare un corso di cucina turca :). Grazie e buona serata!

  7. Ciao Simona, mi piacerebbe vedere anche le altre zone della Turchia. Bello quando vai con persone che se ne intendono. Io mi ero studiata le cose a casa( soprattutto la storia, antica e recente) poi avevo letto un pò di romanzi che m’avevano risvegliato l’interesse per Istanbul e la Cappadocia.Per la prima volta mi sono affidata (per un giorno) ad una guida di viaggio in loco…devo dire che per certi versi aiuta molto. Un caro saluto!

  8. Pingback: Fiabesca Cappadocia Turchia – cosa vedere e cosa fare | Matrioska Blog

Rispondi