Torta alle arance e mandorle senza grassi-Prajitura cu portocale si migdale

immagine torta arance mandorle senza glutine e senza grassi

Aiutooo!:) In questo periodo vedo e sento aranci(a)one, complice il mio fruttivendolo siciliano sono entrata nel tunnel profumatissimo delle pietanze alle arance, voilà una torta profumatissima alle arance e mandorle.  Una torta così, senza nessun tipo di grasso (senza burro e senza olio), non l’avevo mai provata e sono rimasta incantata dal risultato:  una consistenza umidiccia ed un inebriante profumo di arance, siccome le arance vengono aggiunte intere nell’ impasto assieme alla buccia.

Questa è una torta dalla serie ”senza”: senza grassi e senza farina (quindi adatta anche ai celiaci), buonissima e molto semplice e veloce da fare.

Il colore  arancione con i pezzettini d’arancia fa subito gola, allegria e sa di sole e primavera. L’ho semplicemente spalmata con un po’ di confettura di albicocche, se non ti piaciono le torte con la superficie abbronzatissima (però è così che deve venire) puoi sempre coprirla con un po’ di zucchero a velo.

La ricetta della torta è di origine ebraica, l’ho vista sulla rivista “Sale e pepe” ( è tratta dal libro “Ricette (quasi) dimenticate” di Patricia Roaldi) e m’ha subito colpita, preparandola ho apportato solo qualche modifica marginale. Cosa ne dici?

A presto, ritorno nel tunnel aranci(a)one !

foto Torta alle arance e mandorle gluten free

 Torta profumatissima alle arance e mandorle senza grassi e senza farina

Ingredienti:

per uno stampo da 20 cm, preferibilmente a cerniera

250g mandorle pelate

200g zucchero

2 grosse arance non trattate (mezzo kilo le mie)

250 g uova ( 3 o 4 uova in base alla grandezza delle uova usate)

8 g di lievito per dolci

1 cucchiaino essenza di vaniglia

3 cucchiai di confettura di albicocche

2 cucchiai rhum ( o liquore d’arance nella ricetta originale)

un pizzico di sale

burro e fecola per lo stampo

Preparazione

Lavare bene le arance con bicarbonato, risciacquarle, metterle in una casseruola con acqua fredda. Farle sobbollire per circa 40 minuti fino a quando sono un po’ morbide. Lasciarle raffreddare e ridurle a pezzettini(tenendo una fetta per la decorazione).

Intanto imburrare ed infarinare lo stampo con la fecola, eliminado quella in eccesso.

Tritare finemente le mandorle con metà zucchero (100g).

Aggiungere al trito le arance spezzettate e frullare fino ad ottenere un composto omogeneo simile ad una purea.

Separare i tuorli dagli albumi. Montare i tuorli con lo zucchero rimasto(100g) e l’essenza di vaniglia. Aggiungere al composto di arance e mandorle.

Separatamente montare gli albumi con un po’ di sale a neve ben ferma, aggiungerli al composto (di mandorle-arance) mescolando dal basso verso l’ alto con un cucchiaio in legno, facendo attenzione a non smontare il composto. Unire anche il lievito, mescolare delicatamente.

Versare il composto nello stampo già imburrato ed infarinato. Infornare nel forno già caldo a 180°C , cuocere per almeno 45 minuti o affinchè la superficie diventa scura e si staccano un po’ i bordi. Fare la prova stecchino, deve uscirne asciutto. Spegnere il forno e lasciare la torta riposare ancora per 10 minuti nel forno spento .

Toglierla dal forno e lasciarla raffreddare, sformarla solo quando si è completamente raffreddata. La torta si sforma molto facilmente.

Mettere la confettura di albicocche ed il rhum in un pentolino su fiamma bassa affinchè si scalda un po’ formando una salsina, usarla per spennellare la torta.

Decorare con la fettina di arancia.

Note:

–        Nella ricetta originale viene usata la carta forno per foderare lo stampo, invece io ho preferito imburrarlo e cospargerlo con la fecola. Si sforma facilmente.

–        La ricetta prevedeva l’uso del lievito vanigliato, io ho usato quello semplice aggiungendo però l’essenza di vaniglia preparata in casa

–        invece del liquore d’arancia ho usato il rhum, ci sta proprio bene

–        ho sostiuito lo stampo da 18 cm con uno da 20 cm e viene comunque alta

–        io compro le uova bianche di galline ruspanti al mercato, sono gigantesche quindi mi bastano solo 3 uova, con le uova normali ce ne vorrebbero 4. Comunque il peso totale dovrebbe esere su 250g con guscio.

–        -il tempo di cottura indicato era di 45 minuti però la mia torta era pronta già dopo 30 minuti, m’hanno già detto che il mio forno è più veloce e potente.

 

 Prajitura cu portocale si migdale, fara grasimi si fara faina

 

foto Prajitura cu portocale si migdale

Ajutor!:) In perioada asta simt si vad totul portocal(a)iu! E sezonul portocalelor si le folosesc cam peste tot, de la sucuri la mancaruri si, bineinteles, in prajituri…asa ca te invit la o prajitura cu un gust intens de portocala si migdale.

Am experimentat diferite retete dar nu mai incercasem niciodata o astfel de prajitura fara nici un fel de grasime in ea…da, da, e o prajitura fara unt sau ulei! Si daca tot suntem in zona “prajitura fara…”, nu contine nici faina alba, in locul ei se folosesc migdalele macinate care-i dau un gust bun si o fac ideala si pentru intolerantii la glutine.

Prajitura are o consistenta umeda, o aroma puternica de portocale, e si foarte usor si repede de facut. Culoarea portocalie(naturala) a prajiturii iti aduce soarele si primavara in farfurie,  bucatelele alea  de portocala imi fac cu ochiul intr-un mod irezistibil. Tu ce spui?

Pe curand, eu plonjez in portoc(a)liu! :)

 

Prajitura intens parfumata cu portocale si migdale, reteta fara grasimi si fara faina

Ingrediente pentru o forma de 20 cm diametru(preferabil cu peretii detasabili)

250g migdale decojite

200g zahar

2 portocale  mari, preferabil bio (al mele cantareau in total cam ½ kg)

250g oua( 3 oua medii sau 4 oua mari, in functie de dimensiunea oualelor folosite)

8g de praf de copt pentru dulciuri

1 lingurita de esenta de vanilie

3 lingurite de gem de caise

2 linguri de rom sau lichior de portocale

un varf de sare

unt si fecula (amidon de cartofi) pentru uns forma

Cum se prepara prajitura cu portocale si migdale

Spalam bine portocalele folosind un burete si bicarbonat, le clatim bine.  Le punem intr-o oala cu  apa rece si le fierbem domol pentru 40 minute cat sa se imoaie putin. Le lasam sa se raceasca si le taiem bucatele, pastrand o felie pentru decorat.

Intre timp ungem forma cu unt si o presaram cu fecula (amidon de cartofi), eliminand fecula in exces.

Punem migdalele si 100g de zahar in blender si mixam pana capata o consistenta fina asemanatoare cu cea a fainei. Adaugam si bucatelele de portocala si mixam pana obtinem o compozitie omogena cu o consistenta gen piureu.

Separam albusurile de galbenusuri. Cu mixerul batem galbenusurile impreuna cu 100g de zahar si esenta de vanilie pana se deschid la culoare. Le adaugam in compozitia de migdale si portocale si amestecam putin pentru omogenizare.

Batem bine albusurile cu un varf de sare pana devin tari bat. Le adaugam la compozitia de portocale –migdale-galbenusuri, amestecand usor de jos in sus cu o lingura de lemn avand grija sa nu dezumflam compozitia. Adagam si praful de copt, amestecam usor.

Varsam compozitia in forma pregatita si dam la cuptor la 180°C pentru aproximativ 45 de minute sau pana cand suprafata prajiturii devine inchisa bine la culoare(pare  arsa) si bordurile prajiturii se deprind putin de forma. Poti face si proba cu scobitoarea care trebuie sa iasa curata. Stingem cuptorul si mai lasam prajitura sa se odihneasca inauntru pentru 10 minute.

O scoatem din cuptor si abia dupa ce se raceste complet o scoatem din forma( se scoate fara nicio problema).

Punem dulceata de caise si romul intr-o craticioara pe foc mic, incalzim putin cat sa devina mai lichid si folosim sosul astfel obtinut pentru a unge prajitura. Decoram cu felia de portocala si servim.

Secrete din bucatarie:

–        in reteta originala dimensiunea formei era de 18 cm, eu am folosit una de 20 cm. In loc sa tapetez forma cu hartie de copt am preferat s-o ung cu unt si fecula, se scoate foarte usor din forma.

–        Durata de coacere variaza in functie de cuptorul fiecaruia, timpul indicat in reteta originala era de 45 de minute insa al meu cuptor e mai rapid, dupa 30 de minute era deja gata.

–        Oualele pe care le folosesc eu sunt luate din piata si cateodata  sunt enorme(cele albe, facute de gainile mai salbatice) sau micute, oricum nu sunt niciodata standard ca cele de la magazin …asa ca cel mai simplu e sa le cantaresc.

–        Poti inlocui esenta de vanilie cu putina vanilina.

–        Daca nu-ti place suprafata asa bronzata a prajiturii o poti pudra cu zahat tos.

Ps1(Prajitura este una traditionala evreiasca, am vazut-o in revista “Sale e pepe” .)

Ps2: Matrioska vine, vine, vine… cu un car sicilian, un suvenir luat din Sicilia, se asorteaza cu portocalele siciliene pe care le folosesc.

Rispondi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: