Dracula e il mito dei vampiri la mostra -Expozitia Dracula si mitul vampirilor

Dracula e il mito dei vampiri la mostra -Expozitia Dracula si mitul vampirilor

mostra dracula vampiri

Collana d’aglio al collo, curiosità  ed una buona dose di senso dell’umorismo…eccomi pronta per visitare la mostra “Dracula e il mito dei vampiri” a Milano, in triennale fino al 24 marzo. Trovi il coraggio per accompagnarmi?

Lentamente si apre il sipario e…

L’ingresso alla mostra era promettente, venni avvolta dall’oscurità mentre guardavo uno spezzone del film “Dracula” di F. F. Coppola. La prima sala è la migliore con l’atmosfera dark, i vari cimeli storici (libri, armi) ed i panneli esplicativi sulla storia dei vampiri. Viene raccontata la vera storia di Vlad Tepes, chiamato il “Dracul” …che in realtà non aveva niente a che fare con il mondo dei vampiri affinchè Bram Stocker creò il mito del Conte Dracula col suo romanzo.

La visita della mostra continua con altre 4 sale, ognuna allestita in maniera alquanto diversa, un percorso dall’oscurità alla luce, ho trovato interessante l’ultima con le originali illustrazioni di Guido Crepax. Mi sono pure fatta una risata guardando l’allestimento dello studio del conte Dracula: tra i vari oggetti c’erano in bella vista delle cosette simili a quelle per tagliare e servire le torte…sarà che i vampiri sono pure dei pasticceri provetti?:)

E le foto della mostra dove sono? Semplice: non ce ne sono proprio perchè c’è il divieto draconico di fotografare…si sa che i vampiri non sopportano la luce e i custodi li proteggono bene :).

Si chiude il sipario.

Info utili:

La mostra “Dracula e il mito dei vampiri” –fino al 24 marzo 2013 alla Triennale di Milano, più info sui prezzi, orari e come raggiungerla sul sito ufficiale.

All’interno della triennale è presente un bar-ristorante con dei prezzi da ristorante. La guardaroba gratuita. E con 10 euro puoi farti il biglieto per visitare tutte le mostre della Triennale.

ps:

E toc toc…c’è posta per te! Una cartolina tridimensionale di Milano. Siccome le mie mani erano completamente gelate e le mie foto del Duomo sono alquanto deludenti, ho preso una cartolina-ricordo da mandare ad uno di voi, amici del blog…basta lasciarmi un commento qui. Ci sarà anche il francobollo portafortuna con Michi. E per fare come le persone serie: dovessero esserci più persone, farò un’estrazione (ci sarà la zampina di Michi di mezzo). Ti aspetto con un commento fino a domenica 10 febbraio alle 23.00 (ora italiana), il vincitore lo annuncerò in un commento qui e su fb.

P.S.: intanto, già che si sei, ti va di dirmi nel commento anche cosa t’interessa di più(su matrioska adeventures): le ricette, gli articoli con Michi-la cagnolina viaggiatrice oppure i racconti di viaggio. Grazie!

cartolina milano

 versiunea in limba romana

Expozitia Dracula si mitul vampirilor

Colier cu usturoi la gat, curiozitate si o doza buna de simtul umorului…uite-ma gata pentru vizita expozitiei “Dracula si mitul vampirilor” la Milano, din cadrul Trienalei de arta. Ai curajul sa vii cu mine?:)

Draperiile de catifea neagra se deschid lent si…

Primul impact cu expozitia era promitator, invaluita de obscuritate am urmarit cateva scene din filmul “Dracula” de FF Coppola, iar prima sala, cea care mi-a si placut cel mai mult, avea o atmosfera dark, diferite obiecte de epoca(carti, arme) si multe panouri explicative cu istoria vampirilor. Cei care nu suporta “prostiile” astea cu Dracula pot sta linistiti, aici este explicata si adevarata poveste a lui Vlad Tepes, cu detalii istorice, si faptul ca asocierea figurii lui Tepes cu Dracula e o inventie a scriitorului Bram Stocker.

Expozitia se intinde pe alte 4 sale, fiecare amenajata intr-o maniera foarte diferita si urmarind un parcurs de la intuneric spre lumina. Mie mi s-a parut interesanta doar ultima sala, cu ilustratiile lui Guido Crepax. In schimb provoaca ilaritatea instalatia artistica reprezentand biroul lui Dracula, unde troneaza un fel de spatule identice cu cele folosite pentru a servi prajiturile…cine stie,poate si vampirii sunt pasionati de dulciuri:).

Poate te intrebi unde sunt fotografiile de la expozitie? Pai, simplu: nu sunt, fotografiatul este strict interzis…se stie ca vampirii nu suporta lumina iar custodii expozitiei chiar ii protejeaza bine:).

Draperiile de catifea neagra se inchid.

Informatii utile:

Expozitia “Dracula e il mito dei vampiri” are loc in cadrul Triennale di Milano, mai multe info pe site.

Cioc –cioc, am o vedere cadou pentru tine! Si nu orice fel de vedere, ci una tridimensionala cu un timbru norocos cu Michi-catelusa calatoare. Voi trimite vederea celei/celui care lasa un comentariu aici, iar daca sunteti mai multi amatori voi face o extragere. Te astept pana duminica 10 februarie, la ora 23.00(ora Italiei, 24.00 ora Romaniei). Si, daca tot esti pe aici, te rog imi spui care sunt articolele tale preferate de pe blogul meu: retetele, povestirile de calatorie sau cele cu Michi? Multam!

like & share:

8 Responses »

  1. Immagino che la prima sala fosse ,senz’altro,la migliore.Io però ,sapendoti rumena ,sarei più affascinata dalle leggende che sicuramente saranno fiorite,intorno ai vampiri,nella tua terra,diciamo di quello che si diceva “da bocca ad orecchio” Infatti,mi dico ,se la Transilvania viene sempre associata al vampirismo un motivo ci sarà pure??!!
    Dal tuo blog mi piace tutto,se ora cominci anche a postare ricette inedite di bellezza naturale (magari,perchè no? rumene pure quelle…) si potrà davvero dire che il tuo blog è un’inesauribile…..Matrioska!

  2. Ciao Antonella, grazie di cuore per il commento. Devo deluderti però, che io sappia, la Transilvania è stata associata al vampirismo solo in seguito al romazo di Bram Stocker pubblicato nel 1897. Invece in Romania Vlad Tepes non viene minimamente asociato a Dracula, anzi’, se chiedi di Dracula tutti ti racconterano la vera storia di Tepes, lui come personaggio storico senza il minimo nesso tra le 2 cose. Di leggende sui vampiri c’è ne sono anche in altri paesi europei, probabilmente Stocker ha scelto la Translivania come location perchè era una terra vista come molto lontana e selvaggia …oppure, perchè no, Bram(di Stocker) rima con Bran(il castello):):). Leggende romene sui vampiri non ne conosco, adesso mi metto a cercare. Anche trucchi di bellezza:).
    Grazie di tutto, ovviamente la cartolina è tua, mi manderesti la il tuo indirizzo? Michi ti manda un abbraccio peloso e buon lunedi’!:)

  3. Che bello e interesante vedere vari punti di vista sul argomento Dracula e vampiri :). Sono contenta che ti sei divertita. PS: Non vorrei sapere che tipi di dolci preparavano i vampiri :))))

  4. @Ana Maria: i dolci vampireschi nemmeno io vorrei provarli, però sai che nel sud Italia si prepara un dolce tipico col sangue di maiale?

  5. @Ana Maria: strano, ma ti capisco:).Si chiama sanguinaccio, è a base di cioccolato e viene aromatizzato con sangue fresco di maiale.

  6. Mmmm, ma mi hai incuriosito e mi sa che un giretto vado a farlo alla mostra lo stesso.
    Per la scelta non saprei, a me piace come scrivi e quindi mi piace tutto quello di cui scrivi.
    Grazie Anca!
    baciusss

Rispondi