Infusione di allegria con i muri dipinti di Dozza Infuzie de veselie cu ziduri pictate

Infusione di allegria con i muri dipinti di Dozza Infuzie de veselie cu ziduri pictate

Immagini Dozza Murales case e muri dipinti

Amanti dell’arte e/o bisognosi di colorate infusioni di allegria presenti? Vi porto con me a visitare Dozza, borgo medioevale in panoramica posizione collinare a 2 passi  da Bologna. Un pittoresco e soprattutto originale paesino, mi ha incantata con le sue case e muri dipinti che costituiscono forse la più grande galleria d’arte contemporanea all’aperto in Italia.

Eccomi col cappuccio ben tirato sulla testa –stile artista di strada all’attacco pittorico dei muri-… solo che nel mio caso era per proteggermi della fitta pioggerellina. Pioggia che invecce di ingrigire il paesaggio metteva in risalto la bellezza delle case artisticamente dipinte, tanto colorate e diverse come stili e temi (dalle delicate ispirazioni impressioniste alle pennellate forti dei soggetti astratti).

E le mie mani erano occupate sì, ma non da bombolette coloranti o pennelli, ma dal guinzaglio di Michi, la mia cagnolina viaggiatrice. Irrilevante per voi, lo so, ma a me ha impedito di visitare l’interno dell’imponente castello –fortezza “la Rocca”… in compenso sono entrata nei suoi sotterranei, dove troverete l’Enoteca Regionale dell’Emilia Romagna, qui si possono degustare e comprare i vini della regione (aggiudicati 2).

A proposito degli ottimi vini prodotti nella zona, può sembrare strano che il nome di Dozza deriva da doccia, acqua :). Però anche l’acqua ha portato fortuna a Dozza, vedrete come:). Nel dopoguerra il borgo medioevale, pur bellissimo e ben conservato, era completamente sconosciuto ed ignorato dai viaggiatori. Allora si è pensato di creare qualcosa di originale per attirare i visitatori e nel 1960 fu creata la biennale del muro dipinto, occasione  in cui dei veri artisti famosi da tutto il mondo si dessero appunttamento qui per dipingere le case…Dicono che proprio quei giorni la pioggia veniva giù che sembrava fari la doccia (dozza)… ma “muro bagnato, muro fortunato”, la biennale del muro dipinto fu un gran successo e cosi’ per la nostra fortuna continua ancora oggi:). Una bella scomessa sull’arte, originale e alla portata di tutti, mi piacerebbe molto vederla replicata ( in Piemonte c’è Bergolo,un piccolo paesino con le case in pietra decorate con affreschi, e anche Orgosolo-in Sardegna, famoso per i suoi murales).

Cosa vedere a Dozza:

Dozza è davvero piccola, potete visitarla con calma in mezza giornata. Il borgo medioevale è ben conservato, gli edifici da vedere sono la chiesa romanica di Santa Maria e soprattutto la Rocca, imponente fortezza duecentesca. Le case dipinte si trovano sulle due vie centrali del borgo. Rilassante anche il parco sottostante la fortezza.

Info utili:

Dozza si trova in Emilia Romagna, a 15 km da Bologna, fa parte dei “borghi più belli d’Italia”.

Non si può parcheggiare entro le mura, bisogna lasciare la macchina sotto e poi fare una breve passeggiata per raggiungere il borgo.

Il vino del borgo  è l’Albana il primo bianco ad aver ottenuto in Italia il marchio Docg (Denominazione di origine controllata e garantita).

Per avere più info pratiche vi rimando sul sito turistico del comune:

Immagini Murales a Dozza

sotto  la galleria con le foto di Dozza (cliccare pe più foto e più grandi)

 

 

deasupra galeria cu fotografii din Dozza (clic pentru a vedea mai multe foto)

versiunea in limba romana
Iubitorilor de arta contemporana si/sau doritorilor de o infuzie de buna-dispozitie, sper ca sunteti prin preajma pentru a vizita impreuna Dozza, un targusor medieval asezat pe dealurile din apropierea orasului Bologna. Pitoresc dar mai ales original, Dozza m-a fermecat cu zidurile si casele sale pictate cu gust…nu e de mirare ca  e considerat cea mai mare galerie de arta contemporana in aer liber din Italia.

Uite-ma cu gluga bine trasa peste urechi –gen artist de strada smecher pe cale de a asalta artistic zidurile-asta doar pentru a ma apara de ploaia mocaneasca. Daaa, ploua…dar in loc sa transforme totul intr-un gri deprimant parca valoriza si mai bine frumusetea caselor pictat artistic, colorate si foarte diferite ca stil si subiect(aici un tablou – ornament delicat cu inspiratii impresioniste, alaturi tuse de culori tari si subiecte abstracte).

Si mainile mele erau ocupate, dar nu cu pensule …ci cu zgarda cu care o tineam in frau pe Michi(uite-o, e catelusa mea cea super calatoare). Stiu, informatia sigur nu e relevanta pentru tine, insa pe mine m-a impiedicat sa vizitez interiorul castelui medieval fortificat numit la “Rocca”. In schimb m-am strecurat in subteranele castelului  pana la Etnoteca regiunii Emilia-Romagna, aici se pot degusta si cumpara vinurile minunate ale zonei(eu am luat doua, vi le recomand).

Apropos de vinurile bune produse in zona, pare ciudat ca numele de Dozza deriva de la “dus”, apa. Insa se pare ca si apa i-a adus noroc oraselului, vedeti voi imediat cum:). Dupa cel de-al doilea razboi mondial targul nu era deloc cunoscut calatorilor, faptul ca edificiile medievale erau bine conservate nu era suficient pentru a-i atrage pe calatori intr-un loc izolat printre dealuri. Si atunci locuitorilor le-a venit ideea sa faca ceva deosebit, atat de original incat sa-i atraga pe vizitatori.  Astfel a luat nastere in 1960 “Bienala zidurilor pictate”(la bienale del muro dipinto), ocazia cu care feluriti artisti faimosi din toata lumea s-au adunat aici pentru a pictat casele…Si tocmai atunci, la inaugurare, ploua cu galeata (deci tot la Dozza dus –apa ne intoarcem). In italiana e o zicala ce merge la fix “zidul udat e un zid ce poarta noroc”(si la noi se obisnuieste udatul cu bautura pentru a aduce noroc, nu?:)). Prima editie a bienalei a avut un mare succes de public asa ca a continua si astazi. Mi-a placut mult ideea de a paria pe arta si inventivitate pentru a atrage calatorii, voi ce spuneti?

Cateva informatii utile  pentru calatorul din voi care chiar vrea sa viziteze Dozza:) :

Dozza e un targusor minuscul, il poti vizita relaxat intr-o dupa-amiaza. Partea medievala este restucturata, monumentele sunt putine dar frumoase: biserica in stil roman Sfanta Maria si mai ales la Rocca, impunatoarul castel fortificat din secolul  al  XII-lea. Interiorul castelului poate fi vizitat iar la subsol e amenajata vinoteca regionala(cu vanzare). Atractiva principala o constituie casele si zidurile pictate de pe cele 2 stradute principale. Verde-relaxant si parcul situat la baza fortaretei.

Dozza se gaseste in regiunea Emilia Romagna(centrul Italiei), la 15 km de Bologna. E considerata unul dintre cele mai frumoase orasele din Italia( “borghi più belli d’Italia”).

Daca veniti cu masina atentie! Nu puteti parca in zona medievala ci in apropiere, apoi cu o foarte scurta plimbare pe jos ajungeti in centru.

Vinul traditional al orasului Dozza este “Albana”, primul vin alb italienesc  care a obtinut certificatul Docg (denumire de origine controlata i garantata).

Penru mai multe informatii practice va trimit pe siteul turistic al orasului

immagine finestre dipinte e murales

 

 

 

like & share:

11 Responses »

  1. Ciao Ancutza, buono a sapersi, dopo Torino (ti scrivo risposta mail per accordi,,io arrivo venerdì e parto domenica)sono ospite a Bologna, mi farò portare in questo posto, so che mi piacerà molto, un bacio e salutino a Michi 🙂

  2. Ciao Libera, allora ci sentiamo. è un posto particolare e penso proprio di si’…poi mi dirai:). Un doppio salutino:).

  3. Pingback: Bologna in un giorno con cane a seguito | Matrioska Blog

Rispondi