Torta al cioccolato con zucchine e noci – Prajitura cu ciocolata dovlecei si nuci

Torta al cioccolato con zucchine e noci – Prajitura cu ciocolata dovlecei si nuci

Immagine Torta al cioccolato e zucchine e noci

L’improbabile  incontro tra il cioccolato e le zucchine si è materializzato in un amore di torta, umidiccia, gustosa (no, maddai, non sa di zucchine, ma di cioccolato e noci) ed è pure salutare.

Cioccolato e zucchine hai detto?

Ma vaaaa! Stupore, orrore, sorrisi tirati e cucchiai congelati nell’aria.

Uhm… ti credo,  pure io stavo rimandando la prova di questa ricetta da quasi 2 anni (anche se mi dicono spesso che preparo delle ricette particolari… sembrava molto, troppo originale  pure per me). Dicevo :), la torta l’ho preparata per un complenno e l’ho portata in tavola (grande sorriso innocente e occhi luccicanti in diabolique style) presentandola come una torta al cioccolato, noci e l’ingrediente segreto, da svelare solo dopo l’assaggio. Assolutamente non prima, mi raccomando!:) L’hanno trovata buona, qualcuno addirittura buona buona. Il segreto svelato ed il momento dello sbalordimento iniziale passato (ma dimmi te, con le zucchine? non l’avrei mai indovinato!) gli ospiti hanno allungato la mano per un’altra fetta per lamentarsi a bocca piena:). La  festeggiata, una bambina di 10 anni (ciao Petra!) leccandosi i baffi, non capiva lo stupore degli adulti. Sarà che gli stereoritipi ed i pregiudizi li abbiamo solo noi, quelli grandi, sempre pronti a classificare ed allontanare qualsiasi cosa possa turbare la nostra tranquilla abitudine e modo di vedere le cose?

ecco la reazione alla scoperta dell’ingrediente segreto -le zucchine:)

immagine reazione di meraviglia alla torta cioccolato zucchine

Ma non è finita qui, o no!,qualcuno è rimasto talmente turbato per la scoperta che si è rifiutato di toccarla ancora. Neanche una briciola, mai più! ( anche se prima l’aveva dichiarata buona. ) Vabbè, mica possiamo accontentare sempre tutti, no? Certo, peccato che questo qualcuno era proprio il principe consorteJ. Pazienza, io l’ho rifatta, rimaneggiandola tanto che la seconda volta (nella versione con le mandorle) non l’ha mica riconosciuta:). Ma solo la terza volta – torta, questa che ti presento oggi, con cioccolato, noci e zucchine, dichiarata la migliore, è stata finalmente accettata e mangiata volontieri anche da lui (senza minacce di Michi-torture):).

Come diceva Einstein: “ a volte è più facile spezzare un atomo che un pregiudizio”. In cucina e nella vita. Ma tu non mollare mai:), a volte potresti averla vinta…o imparare qualcosa di nuovo, come me con questo abbinamento che mi sento davvero di consigliare. Una torta strana sono all’apparenza, sa di noci e cioccolato e conquisterà tutti (o quasi). Le zucchine non si sentono per niente (te lo confesso: a me le zucchine quasi non piacciono nemmeno nei piatti salati, quindi figurati) però regalano alla torta una consistenza umidiccia. Al posto delle noci puoi usare le mandorle o le nocciole (io l’ho provata in tutte e 3 le versioni), decorarla con lo zucchero a velo, il cacao o ricoprirla con una glassa ciccolatosa. E poi è facilissima da fare. Se la provi fammelo sapere. Nel bene e nel male:).

Immagini preparazione torta cioccolato zucchine noci

Ricetta Torta al cioccolato con zucchine e noci

Ingredienti (per uno stampo da 24 cm)

250g farina integrale

100g noci tritate finissime a polvere

1 cucchiaino pieno di lievito

300g zucchero mascobado

1 cucchiaino di miele

230g zucchine grattugiate (sono circa 3-4 zucchine, ovvero su 400 g  pesate con la buccia)

1 mela grattugiata

170 ml olio vegetale (ho usato arachidi, ma va bene  anche girasole o soia)

1 cucchiaio di rum o altro liquore

3 uova

75g gocce di cioccolato fondente

75g di noci tritate grossolanamente

30g cacao amaro

buccia grattugiata di limone

100 ml latte (normale, di mandorle o di soia)

Come preparare la torta al cioccolato , zucchine e noci

Rivestire con carta da forno una tortiera da 24cm.

In una ciotola capiente mettere lo zucchero, l’olio, le uova, il rum,il miele e la buccia grattugiata del limone, mescolare con uno frustino a mano(o mixer) per amalgamare bene . Aggiungere la mela e le zucchine  grattugiate e mescolare. Questa è la composizione liquida.

In un’altra ciotola setacciare la farina col lievito ed aggiungere il cacao, mescolare per amalgamare. Questa è la composizione solida.

Aggiungere la composizione liquida a quella solida, mescolando col frustino a mano per amalgamare bene.  Aggiungere anche il latte, mescolare. Aggiungere le gocce di cioccolato e le noci tritate. Mescolare un momento poi versare il composto nella tortiera precedentemente rivestita di carta.

Infornare a 180°C, griglia centrale per  60 minuti circa o affinchè introducendo uno stecchino di legno al centro della torta non ne viene fuori asciutto. É probabile che la torta si crepi molto in superficie, no problem, tanto poi la rovesciamo sul piatto da portata.

Una volta pronta , toglierla dal forno,lasciarla raffredare un po’ e poi rovesciarla delicatamente sul piatto da portata. Quando si è completamente raffreddata decorarla con lo zucchero a velo o cacao amaro o con una glassa- ganache al cioccolato.

Si conserva anche per 4-5 giorni, fuori frigo, ben avvolta con carta da forno.

Se riesci preparala la sera prima, la torta diventa molto più buona a partire dal giorno dopo (consumata subito sa troppo di olio…sarà anche che nei dolci uso solitamente il burro).

-al posto delle noci si possono usare le nocciole o le mandorle. Puoi sostituire il latte con altte di mandorle o di soia.

Fammi sapere!:)

Recentemente ho visto un film bellissimo, di quelli che mi sono rimasti nel cuore. Anche se di film ne vedo abbastanza non trovo mai le parole per raccontarli…neanche stavolta le ho trovate, a dire il vero, ma volevo parlartene perchè è uno di quei pochi film che mi ha aperto un mondo, fatta sorridere con tenerezza, ridere spudoramente e commuovermi, tirarmi su’ il morale per superare un momento difficile. Uno di quei film che leggendo il riassunto lo lasci lì, rimandando la visione per un altra volta (leggi mai), perchè dai, la domenica sera non vuoi  lacrimare sul divano vedendo storie impegnative. Tipo l’improbabile amicizia tra un ricchissimo e colto aristocratico francese rimasto paraplegico in seguito ad un incidente ed un immigrato nero, il ragazzo dalle banlieue parigina con problemi d’integrazione. E invece..invece è un film che ti restituisce il sorriso ed il corraggio per andare avanti, una  storia di  speranza e amicizia. E pure il puzzle delle traduzioni del titolo in tre paesi (non smetto mai di stupirmi come ogni paese traduce i titoli a modo suo, a volte sembrano film completamente diversi come genere) ha un senso: “Gli intoccabili” (les intouchables-Francia) diventano”Quasi amici”(Italia) e così l’amicizia li rende “invincibili” (invincibilii- Romania).

Alina, grazie!

Ps1: come puoi vedere da oggi i miei post sono anche in romeno. Forse avrei dovuto farlo prima. O meglio dall’inizio. Per me l’importante e che lo è da adesso. Spero che ti piaccia.

P2: le avventure della piccola matrioska, simpatica bamboletta e simbolo dello strano (ieri) in ognuno di noi, non sono mica finite…solo che l’omino di cioccolato è temporanemante andato in vacanza (me lo disse il colpevole consorte quando trovai lo stampino –casa degli omini di cioccolato, vuoto nel frigo).

Ps3: e non ultimo ringrazio chi è passato da qui per salutarmi. Conta davvero tanto. Grazie!

Fotografie Prajitura cu ciocolata si dovlecei

versiunea in limba romana

 

Incredibila intalnire culinara dintre ciocolata si dovleceii zucchini s-a transformat intr-o prajitura tare gustoasa(nu, nu are deloc gust de dovlecei ci de ciocolata si nuci), cu o consistenta placut umeda, usor de facut, sanatoasa . Si e si o modalitate de a-i face si pe cei mai retienti la dovlecei sa-i manance cu placere.

Stai putin! cum adica o prajitura cu ciocolata si dovlecei??? Uimire, ochi iesiti din orbita, lingurite inghetate in aer. Inteleg mirarea…eu tot am amanat vreme de 2 ani pana sa prind curajul de a experimenta aceasta prajitura ciudata(ciudata la combinatie, la gust aduce a negresa). Mi se spune adesea ca fac niste retete originale, dar recunosc combinatia ciocolata-  dovlecei era prea originala pana si pentru mine. Prajitura am pregatit-o pentru o aniversare si, cu zambetul pana la urechi si ochii scanteind oarecum diabolic, le-am prezentat-o oaspetilor ca pe o prajitura cu ciocolata, alune si ingredientul top secret, dezvaluit doar dupa ce au gustat. In nici un caz inainte(in functie de anturaj poate e mai bine sa nu-l dezvalui deloc). Au mancat-o cu pofta si mi-au declarat ca le place, insa momentul delicat a fost cel al dezvaluirii ingredientului secret, adica dovleceii zucchini(haide cum vorbesti serios ca ai pus dovlecei? Ce chestie! N-as fi ghicit nicioadata etc etc). Apoi invitatii au intins mana dupa o a doua felie pentru a continua sa se minuneze cu gura plina. Sarbatorita, o fetita de 10 ani(buna Petra!:)) s-a lins pe buze, oarecum pierduta intr-o lume de adulti… nu intelegea ce e asa de original, din punctul sau de vedere dovlecei cu ciocolata merg de minune. Ups, oare stereotipurile si prejudecatile le avem doar noi, adultii, mereu grabiti sa clasificam si sa indepartam orice ar putea tulbura linistita noastra viziune a lumii?

Dar nu s-a sfarsit asa(cei nerabdatori saltati direct la reteta:)),o nu! cineva a ramas atat de tulburat  de dezvaluire incat a refuzat categoric sa se mai atinga de prajitura. Nici macar o faramitura, niciodata.( asta dupa ce inainte o declarase buna).Ce sa-i faci, nu-i poti impaca mereu pe toti, nu? Sigur, pacat doar ca cinevaul cu pricina era chiar sotul:)!. Ehehe dar nu stia el ce-i poate pielea Ancutei. Am refacut-o, schimband pe ici pe colo (si folosind migdale)incat nu a recunoscut-o. Dar doar a treia oara –si versiune de prajitura- cea cu ciocolata, dovlecei si nuci pe care ti-o prezint si tie, a fost in sfarsit acceptata si mancata cu placere(jur ca nu l-am amenintat cu Michi  :)) .

Einstein spunea”cateodata e mai usor sa rupi un atom decat o prejudecata”. In ceea ce priveste gusturile culinare si in viata. Dar tu nu renunta, mergi inainte, cateodata s-ar putea sa castigi batalia…sau sa inveti ceva nou, cum a fost pentru mine descoperirea folosirii dovleceilor intr-o prajitura. Ti-o recomand cu mana pe inima: dovleceii nu se simt absolut deloc, rolul lor e de a conferi o consistenta placut umeda. Prajitura are gust de ciocolata si nuci(poti folosi migdale sau alune in locul nucilor). E o prajitura gustoasa, simpla, foarte usor de facut, sanatoasa(fara unt, cu zahar brun, legume). Si transformista: o poti pudra cu zahar tos sau cacao, iar  pentru ocaziile speciale o poti acoperi cu o glazura de ciocolata. Sfatul meu e sa nu dezvalui ingredientul secret. Sa-mi spui daca te-am convins sa o incerci:).

Prajitura cu ciocolata, dovlecei zucchini si nuci

Ingrediente pentru o forma de 24 cm

250g de faina integrala

100g nuci pisate(reduse in pulbere, cu consistenta fainii)

30g pudra cacao amara

170ml ulei vegetal (eu ma folosit de arahide, dar merge si de floarea-soarelui sau soia)

300g zahar brun mascobado plus 1 lingurita de miere cu gust neutru

3 oua

1 lingura de rom

75g bobite de ciocolata amara

75g nuci maruntite grosolan

230 g  circa dovlecei rasi(2-3 dovlecei zucchini, cam 450 g cantariti cu coaja)

1 mar ras (cam 100g ras)

1 lingurita cu varf de praf de copt

100 ml lapte (normal, de soia sau de migdale)

coaja rasa de la o lamaie (preferabil netratata)

Cum se prepara prajitura cu dovlecei zucchini, ciocolata si nuci 

Tapetam cu hartie de copt o forma de 24 de cm diametru. Incalzim cuptorul la 180°C.

Intr-un recipient incapator strecuram faina cu praful de copt, adaugam cacao si amestecam pentru a omogeniza.(aceasta este compozitia uscata)

Intr-un alt recipient punem uleiul, zaharul, ouale, romul, coaja rasa de lamaie si amestecam  cu un tel in forma de para (sau cu mixerul la viteza mica) pana se omogenizeaza.  Adaugam si dovleceii rasi, marul ras si amestecam. (aceasta este compozitia lichida).

Turnam compozitia lichida(de dovlecei, ulei, oua) peste cea uscata si amestecam cu telul pentru omogenizare. Adaugam laptele, amestecam, apoi nucile maruntite si bobitele de ciocolata, amestecam si turnam compozitia in forma. Dam la cuptor, deja cald la 180°C , grila centrala, si coacem cam o ora sau mai mult pana cand facem proba cu scobitoarea: o infigem in mijloc si daca iese curata inseamna ca s-a copt si o putem scoate din cuptor. Prajitura nu creste foarte mult la copt dar la un moment dat o sa vezi cum suprafata se  umfla si se crapa . No panic, oricum cand e gata se rastoarna in farfurie si nu se vede.

Cand e gata o scoatem din cuptor, o lasam sa se racoreasca putin si apoi o rasturnam pe platou. Cand s-a racit complet o decoram dupa gust: pudrata cu zahar tos sau cu cacao, decorata cu nuci sau invelita cu o glazura de ciocolata.

Note:

Se conserva patru –cinci  zile la temperatura camerei, bine invelita cu hartie de copt .

Eu am incercat-o si cu alune si cu migdale(folosind lapte de migdale).

Daca vrei poti inlocui zaharul brun cu cel alb, eu am preferat zaharul brun pentru ca este mai sanatos si, mai ales, da un gust foarte bun ce aduce vag a caramel.

Daca nu ai la indemana faina integrala o poti inlocui cu  faina alba normala dar in acest caz nu mai adauga  laptele.

Vad filme destul de des dar niciodata nu gasesc cuvintele potrivite pentru a le povesti intr-o maniera atragatoare pentru ceilalti…adevarul e ca nu le-am gasit nici acum, dar tineam sa-ti recomand filmul “Invincibilii”/Les Intouchables), unul dintre filmele alea, putine, care te fac sa surazi cu tandrete, sa razi in hohote si sa te emotionezi profund, care-ti ridica moralul intr-un moment dificil. E genul de film a carui vizionare o amani pentru alta data(citeste niciodata)  daca citesti rezumatul: improbabila intalnire si prietenie dintre un bogat aristocrat francez, ramas paraplegic in urma saltului cu parapanta, si un emigrat de culoare, un baiat de cartier plin de probleme. Daaaa, interesant, dar  duminica seara nu prea ai chef sa lacrimezi pe divan, ai prefera o comedie care sa te faca sa razi. Ei bine, oricat de contradictoriu pare, Invincibilii este o comedie, una speciala care iti reda surasul si curajul de a merge mai departe, e o poveste despre viata, curaj, speranta si prietenie. Iar puzzel-ul traducerii titlului filmuli in 3 tari diferite are un sens(nu incetez sa ma minunez cum in fiecare tara titlul, prin traducere, pare sa dea cu totul alta impresie despre film: Stigmatizatii-cei de neatins-(Intouchables- Franta) devin “aproape prieteni” (Quasi amici – Italia) si astfel prietenia ii transforma in niste invincibili.(Invincibilli –Romania). II multumesc dragei mele Aline pentru minunata recenzie – recomandare pe care o poti citi si tu aici.

Ps incepand de astazi articolele mele vor fi si in materna limba romana. Poate ar fi trebui sa o fac mai demult. Sau de la inceput. Pentru mine e important  ca incep acum…sper sa-ti faca placere si tie:).

 

 

like & share:

13 Responses »

  1. Bentornata Ancutza, ho provato a chiamarti l’altro giorno, ceto in un orario in cui sei altrove ma avevo voglia di sentirti (anche se mi sgridi sempre 😉 )Sai che è mancata Maria (dolci tentazioni?) Beh, eravamo molto unite e la sua scomparsa mi ha aperto gli occhi (se già non li avevo) su tante cose. L’Amicizia, è tanto rara quanto importante per dare un senso a ciò che siamo e a quello che facciamo…
    Amo le zucchine nei dolci e l’abbinamento col cioccolato non mi spaventa anzi, mi tenta. un abbraccio. Fine ottobre sarò a Torino, al Salone del gusto, ti vedrò? Finalmente!!! Bacione e grande carezza a Michi.

  2. Una torta speciale davvero da provare…magari mangiandone una fetta durante la visione dell’ ottimo film “Quasi amici”…:-)

  3. Ciao!! Io non ho provato questa torta, ma la mia mamma fa da sempre una solo di zucchine che è fantastica. E lei le aggiunge anche delle noci e a volte delle uve passe e datiles (non so la parola in italiano, google translate mi dice che è “date”).

    E il film in spagnolo si chiama “intacable” (intoccabile).

    Baci

  4. Ciao Anca!
    Sulla torta non commento perché so che, probabilmente, inserirai la mia eloquente espressione al momento della scoperta dell’ingrediente segreto 🙂
    Volevo aggiungere un commento sul film “Quasi amici/Intouchables/Invincibili”: è ancora più straordinario se si pensa che è tratto da una storia vera!!! 🙂
    Un abbraccio

  5. Ciao Libera, bentrovata! mi spiace per davvero se ti ho dato questa impressione(:. Non lo sapevo, mi spiace… solo brutte notizie in questo periodo…un caro carissimo abbraccio.
    Per il Salone del Gusto io pensavo di non andarci ma sicuramente vorrei incontrarti, anche dopo se ti va. Ti fermi solo per un giorno? Se ti va ci sentiamo con le mail. Un bacione anche da Michi.

  6. Ciao Marta! Allora non sono poi cosi’ strana!:) Hai messo la ricetta sul tuo blog? Vorrei provarla, sembra deliziosa la versione di tua madre.Date…mica sono i datteri? sarebbe “fechas”(sempre usando google tarnslate). Sempre intoccabili? Ti è piaciuto il film? Grazie, un abbraccio.

  7. Simona: e poresti pure aggiungere che ti è pure piaciuta…dovevo fotografarti anche con l’espressione beata dopol’assaggio:). Hai ragione(vedi, per quello non racconto mai i film, dimentico sempre l’essenziale). Io l’ho visto in dvd e dopo il film c’erano le interviste alle persone che l’hanno ispirato, impressionante. Poi ci sarebbero anche i libri, ogni protagonista ne ha scritto uno. Bacione

  8. Ciao Marco, bentrovato(anche se non sono stata da nessuna parte…però diciamo che ho fatto un viaggio molto diverso)! Originale? non lo so…è una vita da matrioska, cioè tante cose diverse incastrate una nell’altra, inseparabili…vale un pò per tutti no?:). forse si’, faccio un pò troppe cose:). Grazie, anche a te!

  9. Ciao Ancutza! Adesso ho scritto la ricetta di mia mamma sul blog, anche in italiano per te. Spero ti piaccia. Penso che “datiles” in italiano sono i datteri come tu dici.

    Saluti!

  10. Pingback: Guiness Chocolate Cake - torta al cioccolato e foto Irlanda | Matrioska Blog

Rispondi