Ti regalo un martisor portafortuna

Ti regalo un martisor portafortuna

Quante volte ti sei detta -( e parlo al femminile non solo perchè oggi è l’ 8 marzo, la Festa delle Donne, ma perchè siete voi le donne quelle che commentano perlopiù quì…sarà perchè siamo chiaccherone come vuole lo stereotipo oppure, come credo io, a volte più coraggiose: quel coraggio ad esporsi?…)-

che solo se avessi un colpo di foruna o almeno un pizzico, e la tua vita cambierebbe per sempre…il principe azzurro, il lavoro dei sogni, tanti soldi, la salute…

A volta capita anche a te di sentirti sfortunata, infelice o semplicemente sola e incompresa? Insomma, una specie di Kalimero, il pulcino nero:). Dai, non dirmi di no, perchè non ci crederei comunque. Però a me, almeno ognitanto, per sentirmi felice  mi basta una piccola cosa inaspettata, un sorriso, una parola, una canzone …oppure ricevere un martisor portafortuna:). Ecco, quando i miei m’hanno mandato i martisor sono stata la persona più felice del mondo, li ho sentiti tanto vicini con tutti i 2000km che ci separano . E non voglio tenere la fortuna (e i portafortuna) solo per me, scrivo sul blog anche per il piacere di condividere…quindi lo vuoi un martisor portafortuna, un piccolo dono di gioia, vitalità e buona fortuna?

E cos’è il martisor portafortuna? Tutti gli anni in Romania il primo marzo si festeggia l’antica festa del martisor (diminutivo di “martie”= marzo e significa “piccolo” o “caro Marzo”), la celebrazione dell’arrivo della primavera…e si regalano dei martisor portafortuna (i ritardatari lo possono fare anche dopo il primo marzo per tutto il mese).

Il martisor è al contempo un portafortuna e il simbolo della primavera, si confeziona con dei fili bianchi e rossi, di cotone o seta, intrecciati in un cordoncino (il rosso significa la vita, la primavera, l’amore, la donna; invece il bianco significa la purezza, l’inverno, la saggezza, l’uomo). A questo cordoncino bianco-rosso si appende un ciondolo portafortuna, un amuleto che può assumere le più variate forme e materiali (in pietra, ceramica, vetro, oro, ecc.) : un tempo si usavano le monetine d´oro o d´argento, ma anche fili d’ erba, germogli o fiori; invece oggi si usano di più fiori, animaletti, cuoricini, ecc. Oggi l´usanza consiste nel donare questo ciondolino con il suo fiocco bianco e rosso a tutte le donne come augurio di buona fortuna, amore e di buon inizio di primavera. Chi lo ha ricevuto lo può portare attaccato al petto, vicino al cuore, oppure solo il filo legato al polso a modo di braccialetto…oppure visto che ci siamo tecnologizzate appenderlo vicino al monitor del computer:). Le credenze popolari dicono che colui che indossa il “martisor” sarà fortunato e in salute per tutto l´anno.

Questo non è un giveaway o un contest, vorrei poter regalare un martisor portafortuna a tutti quelli che mi stanno vicini anche quando non sorrido e non sono così simpatica e divertente, un piccolo martisor portafortuna accompagnato da un effluvio di pensieri positivi di cuore, a quelli che passano da qui silenziosi o meno…quindi ho per 3 di voi un martisor portafortuna da mandare via poste ovunque tu sia nel mondo (non solo in Italia). Il regolamento non c’è, se volete ricevere un martisor potete lasciare un commento quà oppure sulla pagina facebook del blog, fino a domani 9 marzo 2012 a mezzogiorno(12.00). Se volete potete indicare quale martisor preferireste di più, poi farò l’assegnazione in base a chi ha scritto prima. I tre vincitori (anche se in questo caso la parola non mi piace) saranno casualmente scelti con random.org e annunciati domani su fb, twitter e nel post con la ricetta.

ecco i martisor portafortuna:

martisor portafortuna bucaneve

Martisor portafortuna con il bucaneve: questo fiorellino selvatico è il primo a sbucare dopo l’inverno,  bianco e delicato ed è simbolo di purezza, ma anche della vittoria del sole e della primavera, l’uscita dall’inverno.

martisor portafortuna quadrifoglio

Martisor portafortuna col quadrifoglio: un classico portafortuna, per la sua rarità (un trifoglio anomalo con 4 foglie invece di tre) oppure perchè assomiglierebbe alla croce…comunque sia che vi porti fortuna.

martisor portafortuna chiave

Il martisor portafortuna con la chiave: con questa chiave si può aprire il cuore di qualcuno, dell’amicizia e anche la chiave del destino.

martisor portafortuna spazzacamino

E il martisor con lo spazzacamino portafortuna...già, perchè si dice che lo spazzacamino porta fortuna?:) mi aiutate?

foto martisor

 Invece per chi volesse questo martisor virtuale con michi basta che me lo scriva…lo manderò a tutti quelli che me lo chiederanno.

P.S.:  Ho tenuto da parte 2 martisor per due persone che prima m’avevano scritto (sul blog e facebook) che avrebbero bisogno di un portafortuna…a volte basta solo chiedere e agire, perchè la fortuna ce la facciamo anche con le nostre mani. Antonella e Stefano, fatevi sentire, come promesso i martisor vi aspettano!

aggiornamento:i martisor portafortuna vanno a…il nome delle persone viene svelato qui

like & share:

13 Responses »

  1. Ma che bello!!! Sai che assomigliano a quelli che si preparano in Giappone per i festeggiamenti dell’anno nuovo? Ti riporto sulla pagina Facebook con questo post… sono bellissimi!!

  2. Ciao Veru,non lo sapevo anche se quando ero piccola(alle medie:))ero appassionata della cultura giapponese. Questi martisor portafortuna sono quelli tradizionali,classici, i più semplici e secondo me anche i più belli e “veri”. Magari se li avessi presentati come giapponesi sarebbero considerati più cool:). Grazie di cuore:).

  3. Sono tutti deliziosi, davvero, e per questo non esprimo preferenze. Speriamo in bene, ci sarebbe una persona che in questo momento avrebbe bisogno davvero di un po’ di fortuna, più di me, e mi piacerebbe regalarglielo.
    Oh, e buona fortuna anche a tutti gli altri ^_^

  4. Non conoscevo questa tradizione, è bellissima! Il bucaneve è delicatissimo, e visto che anch’io spero con tutto il cuore di “sbucare fuori dal mio inverno” il prima possibile, direi che è quello che mi piace di più! Buona fortuna a tutte, allora!

  5. sono stupendi, a me piacciono tutti indistintamente e adoro ogni rituale di buon auspicio…proprio perchè a volte la fortuna parte da uno stato d’animo fortunato non c’è nulla come un tenero amuleto per ricordarci la direzione giusta.

    Un bacio, bellissima idea

  6. A mio parere il Martisor che porta più fortuna è Michi…anche se un po’ peloso !!!:-) Buona fortuna…!

  7. hai avuto un pensiero davvero molto bello. non conoscevo questi portafortuna. Michi è sempre degno di nota, anche in veste di portafortuna.

  8. per me il Martisor è indelebilmente legato al ricordo dei miei nonni rumeni, ogni primavera arrivava sempre una busta contenente una cartolina di auguri e un Martisor portafortuna…

  9. non conoscevo questa tradizione e rimango sempre affascinata …mi prendo il Martisor di Michi, la nostra diva, lo scarico e me lo stampo…grazie Anca !!!

  10. Grazie ragazze!
    @Mara: che bel pensiero di pensare ad un’altra persona…
    @Gabri: sai che m’hai “rubato” le parole, inizialmente avevo scritto anche questo con l’inverno metaforico…io amo molto questi fiori ma in Italia non li ho mai visti(tipo al mercato, vivaio) m’hanno detto che si trovano solo in montagna, pèer questo ancor più preziosi e puri…qualcuno può confermare?
    @zia topolinda: condivido il tuo pensiero, alla fine tante volte si possono cambiare le cose(piccole come noi alla fine) partendo da un pensiero felice…non è sempre facile però. E questi martisor portafortuna cosi’ delicati e semplici(in un mondo strapieno di gadget) sono particolari proprio per il loro significato,un dono di gioia e buon auspicio,per la voglia di condividere e di trasmettere un pò di buona fortuna anche agli altri.
    @Danilo: infatti il martisor con Michi lo posso mandare a tutti, basta chiedermelo:).
    @Vera: è una delle feste tradizioni che amo di più per la sua semplicità . Michi ti ringrazia(anche se in questo periodo è talmente pelosa da sembrare una pecora:)).
    @Rosanna e Flavia: grazie a voi, questa è la tradizione che amo di più e forse l’unica che mi manca per davvero.
    @Elena: adesso ti mando via mail una versione più grande. Salutami Zorro, un giorno dovranno pur conoscersi:).

  11. Ti ho risposto anche ieri ma non vedo il mio commento.
    Sono io l’antonella di cui parli?Credo di averti detto qualcosa come:avrei bisogno di un martisor gigante! o qualcosa di simile ..fammi sapere

  12. Antonella: si’ , sei proprio tu, non sapevo come rintracciarti, mandami il tuo indirizzo se vuoi…anche se il martisor è piccolo il suo potere porta fortuna è inversamente eproporzionale, ovvero…gigantesco:). Non ho ricevuto il tuo commento, strano perchè da ieri ho lasciato i commenti assolutamente liberi senza moderazione. -ps, ho capito l’altro commento tuo è sul post più vecchio, appunto per quello che te lo mando.

Rispondi