Primo marzo portafortuna con il martisor

Primo marzo portafortuna con il martisor
Primo marzo portafortuna con il martisor

 

foto martisor e bucaneve

Oggi è il primo marzo, il primo giorno di primavera dal punto di vista meteorologico e io vi propongo di festeggiarlo insieme col martisor portafortuna.

E cos’è il martisor?

Tutti gli anni in Romania il primo marzo si festeggia l’antica festa del martisor (diminutivo di “martie”= marzo e significa “piccolo” o “caro Marzo”), la celebrazione dell’arrivo della primavera,una tradizione che ho sempre amato e che mi riempe il cuore di gioia.

Il martisor è al contempo un portafortuna e il simbolo della primavera, si confeziona con dei fili bianchi e rossi, di cotone o seta, intrecciati in un cordoncino che si lega a forma di otto(il rosso significa la vita, la primavera, l’amore, la donna; invece il bianco significa la purezza, l’inverno, la sagezza, l’uomo). A questo cordoncino bianco-rosso si appende un ciondolo portafortuna, un amuleto che può assumere le più variate forme e materiali(in pietra, ceramica, vetro, oro ecc) : un tempo si usavano le monetine d´oro o d´argento, ma anche fili di erba, germogli o fiori; invece oggi si usano di più fiori, animaletti, cuoricini ecc. Io preferisco il martisor classico, piccolino, in metallo, a forma di trifoglio, ferro di cavallo e spazzacamino(i simboli classici di portafortuna).

Le credenze popolari dicono che colui che indossa il “martisor” sarà fortunato e in salute per tutto l´anno. Oggi l´usanza consiste nel donare questo ciondolino con il suo fiocco bianco e rosso a tutte le donne come augurio di buona fortuna, amore e di buon inizio di primavera. Chi lo ha ricevuto lo deve portare attaccato al petto vicino al cuore oppure solo il filo legato al polso a mò’ di bracialetto.

Solitamente il martisor viene regalato assieme ad un mazzo di bucaneve, questi fiorelllini selvatici che sono i primi a sbucare dopo l’inverno. I bucaneve Bianchi e delicati sono simbolo di purezza ma anche della vittoria del sole e della primavera, l’uscita dall’inverno.

Questa festa non è un’ usanza remota, viene pienamente festeggiata in Romania anche ai giorni nostri…ed è una tradizone molto sentita. Infatti dagli ultimi giorni de febbraio fino al 8 marzo(i ritardatari possono regalari fino all’8 marzo) le città sono piene di bancarelle che offrono i più svariati martisor e dei bucaneve. Mi piace molto l’idea di festeggiare l’arrivo della primavera e anche quello di fare un piccolo dono anche a chi non conosciamo, un dono di gioa, vitalità e buona fortuna.

Sul mio balcone non ci sono dei bucaneve…allora li ho disegnati pe voi sperando che vi portino fortuna.

foto martisor

martisor portafortuna bucaneve

martisor portafortuna bucaneve

ed ecco un martisor particolare…Michi!:) che vi porti tanta fortuna!

foto martisor

like & share:

4 Responses »

  1. Lovely traditions which should stay alive. We used to have lovely spring traditions in Greece called “Anthestiria” which were Flower Festivals held every year as the rebirth of nature and spring, which dates back to ancient Greek times.

  2. Pingback: Ti regalo un martisor portafortuna | Matrioska's Adventures

Rispondi