Ricetta Baklava alle noci e fillo dessert tipico greco

foto baklava alle noci dolce greco e turco

Vi manca l’estate, il sole, il cielo azzurro e soprattutto il caldo? Allora vi invito ad assaggiare il baklava, un delizioso e semplice dessert tradizionale greco a base di noci e pasta fillo che vi farà sognare :).
Il baklava ha una consistenza piacevolmente sciropposa,  con un bel contrasto tra il croccante della pasta fillo e l’interno morbido e profumato alle noci.  Il baklava è un dolce rappresentativo per la cucina greca, turca e cipriota, ed è presente anche nella cucina romena, soprattutto nella zona del sud est chiamata Muntenia (zona molto influenzata nel corso dei secoli dai greci e dai turchi). Il baklava si trova declinato in varie versioni, tutte a base di strati di pasta fillo ma farcito in vari modi: alle noci, mandorle, pistacchi. Anche la consistenza e gli ingredienti dello sciroppo variano: l’acqua e il miele sono le costanti, aggiungendo solitamente il succo d’arance oppure l’acqua di rose.
Questa ricetta del baklava è quella classica (la ricetta è sempre della mia nonna greca), invece se siete dei cioccolato-dipendenti  non perdetevi il baklava al cioccolato e noci:).
Ps: Il baklava è un dolce a portata di tutti, facile e veloce da preparare.

Baklava greco noci e fillo

Ingredienti per il baklava alle noci

250g pasta fillo (12 fogli)
150g burro non salato oppure olio
250g noci (peso senza guscio)
80g zucchero semolato
1 cucchiaino di cannella in polvere
scorza grattugiata di una grossa arancia non trattata

Per lo sciroppo:
120 ml succo d’arancia fresco (arancia spremuta e filtrata)
50 g zucchero semolato
80 ml acqua
70 ml miele fluido chiaro dal gusto molto delicato, tipo acacia o mille fiori
2 cucchiai succo di limone (limone spremuto fresco)
facoltativo: 1 cuchiaino di essenza di vaniglia (la mia ricetta qui), se usate un’altra ricetta attenzione al dosaggio (magari è più forte) oppure 2 cucchiai di brandy

Come preparare il baklava alle noci

preparazione baklava classico greco

Ricetta con foto preparazione Baklava alle noci
Tritare le noci e metterle in una ciotola assieme  allo zucchero, la scorza di limone e la cannella. Mescolare bene (io ho usato 2 cucchiai per mescolare, tipo per l’insalata) per omogeneizzare il più possibile gli ingredienti.
Accendete il forno a 160°C.
Fate sciogliere il burro (nel microonde o a bagno maria), deve diventare liquido.
Rivestire  la teglia da forno con carta da forno e  adagiare 4 fogli di pasta fillo, ognuna spennellata bene col burro fuso.
Distribuite sulla superficie metà del composto di noci e zucchero, livellando magari con l’aiuto del cucchiaio.
Adagiate gli altri 4 fogli di pasta fillo (procedendo allo stesso modo come prima, cioè ognuno spennellato velocemente col burro fuso). Coprire uniformemente con il restante composto di noci .
Adagiate gli altri 4 fogli di pasta fillo spennellati col burro fuso , spennellate la superficie col burro rimasto.
Con un coltello a lama lunga e ben affilato tagliare il baklava in rettangoli da 5 cm circa. Questa operazione di tagliare il dolce ha 2 scopi: così lo sciroppo (aggiunto dopo) penetra meglio ed in maniera uniforme e anche perchè dopo la cottura i fogli sono croccanti e tenderebbero a spezzettarsi troppo quando tagliati.
Infornate nel forno già caldo a 160°C, griglia centrale, non ventilato per circa 30-40 minuti o affinché diventa dorato.
Una volta pronto sciroppare subito come spiegato sotto.

La preparazione dello sciroppo:
Intanto preparate lo sciroppo
Mescolate tutti gli ingredienti per lo sciroppo (il succo d’arancia, lo zucchero semolato, l’acqua, il succo di limone) in una casseruola (non deve essere troppo grande perchè lo sciroppo tende ad evaporare troppo) e mettetela sul fuoco, mescolate di tanto in tanto , quando entra in ebollizione  abbassate il fuoco al minimo e fatelo sobbollire pianissimo per 5-10 minuti (lo sciroppo non deve ridursi troppo). Una volta pronto toglietelo dal fuoco, aggiungete l’essenza di vaniglia e/o il brandy (se vi piacciono), mescolate.
Versate (a cucchiaiate  ed in maniera uniforme su tutta la superficie) lo sciroppo bollente sul baklava appena sfornato. É inportante che lo sciroppo si versi sul baklava appena sfornato in modo che venga ben assorbito. Lasciate raffreddare fuori forno, una volta raffreddato copritelo con della carta da cucina.

Come servire il baklava:
Il dolce è ancor più buono se viene servito a partire dal giorno dopo, quindi se riuscite preparatelo la sera prima.
Il baklava da il meglio di sè se viene servito alla temperatura ambiente e non dal frigo (deve restare sciroppato). Essendo un dolce ricco vi consiglio di servirlo al di fuori dei pasti (come si fa con le torte).
Come conservare il baklava:
Il baklava può essere tranquillamente conservato fino a 7 giorni, a temperatura ambiente (massimo 21°C) o al fresco (non in frigo), coperto con della carta da forno ed un panno pulito in modo che non secchi.

Note: non è che voglio essere troppo pignola, ma agli inizi mi trovavo un po’ confusa circa la quantità di pasta fillo da usare: comprando la pasta fillo fresca per 250g di fillo mi ritrovavo  con 12-13 fogli di fillo della grandezza della teglia da forno standard; invece comprando quella surgelata per 275g di fillo c’erano solo 6 fogli. La verità è che in base al produttore troverete dei fogli di fillo più sottili o più spessi. Quindi per preparare questa ricetta userete  circa 250g di fillo distribuendo a metà i fogli (se sono 6 fogli, usatene 3 per la base e 3 per coprire, se sono 12 fogli com’ è capitato stavolta a me (ho usato una fillo fresca sottilissima) usatene 6 per la base e 6 per coprire…e così via).
- più info circa la pasta fillo
-i fogli di fillo possono essere spennellati sia con l’olio sia col burro
- Importante: durante la preparazione della ricetta tenete i fogli coperti con un panno da cucina (pulito) umido (quindi bagnato e ben strizzato) per non far seccare troppo la pasta fillo.

Le avventure della piccola matrioska nel fantastico mondo della cucina

E nel fantastico mondo della piccola matrioska le noci si trasformano in farfalle e volano via…cosa  ne dite, le seguiamo?:)

ll sole è una fetta d’arancia e le nuvole sono -ovviamente?:)- di zucchero

fantasy le fantasiose avventure della piccola matrioska

Rispondi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: