Cestini di pasta fillo con feta greca, mele e aneto

Cestini di pasta fillo con feta greca, mele e aneto

Con la scusa che “una mela al giorno toglie il medico di torno”, finisco per infilarla un po’ dappertutto, anche nei piatti salati come questi croccanti cestini di pasta fillo, mele e feta greca.

ricetta con foto cestini di pasta fillo con feta greca mele aneto

Questini cestini – antipastini sono genuini, semplici e veloci da preparare, ottimi da mangiare come spuntino tutti i giorni, fanno anche bella figura ad una cena con gli amici (infatti hanno avuto un successo inaspettato).

L’abbinamento formaggio – mele è forse inusuale per i gusti italiani (dicono invece che sia di casa nei paesi nordici, c’è qualcuno che me lo può confermare?…) ma io, che tanto italiana non sono, lo amo molto per l’armonia dei sapori contrastanti: quello fruttato, un po’ dolce e acidulo della mela e quello deciso del formaggio feta greca. Nella preparazione ho aggiunto anche l’aneto-più info sotto-, una pianta che amo, il gusto ricorda vagamente il finocchietto selvatico, ma in Italia o almeno nel Nord, mi risulta fosse poco conosciuta, fino a quest’anno  ho sempre importato i semi dalla Romania e li ho fatti crescere nell’ orto sul mio terrazzo.

Ricetta per preparare i cestini di pasta fillo con feta greca, yogurt greco, mele e aneto

Ingredienti per 12 cestini di pasta fillo

-ho usato una stampo da 12 mini-muffins, ma potete usare anche gli stampini in alluminio usa e getta-

– una confezione da 270g circa di pasta fillo

-1 mela

-200g di feta greca (ho usato una a base di latte di pecora)

-100g di yogurt greco

-1 cucchiaio di aneto essiccato oppure aneto fresco

-pepe

-40 ml o q.b. olio di semi

ricetta con foto preparazione cestini fillo feta mele

Come preparare i cestini di pasta fillo con feta greca e mele

In una ciotola sbriciolare la feta greca, aggiungere lo yogurt greco, l’aneto e il pepe e mescolare per omogeneizzare  ed ottenere una cremina.

Sbucciare la mela e tagliarla a fette.

Spennellare con olio gli stampini.

Sul piano da cucina  stendere un foglio di pasta fillo, spennellarlo bene con l’olio, sovrapporre un altro foglio di pasta fillo spennellandolo bene con olio e finalmente sovrapporre anche il terzo foglio di pasta fillo spennellandolo ben con olio. Ritagliare i fogli di fillo in quadrati da 10 cm circa e adagiarli negli stampini.

Aggiungere in ogni cestino un cucchiaio del composto al formaggio, yogurt e aneto. Adagiare una fettina di mela in ogni cestino, ripiegare i bordi dei cestini nel caso dovessero fuoriuscire.

Infornare nel forno già caldo a 180°C per 20° minuti circa, oppure affinchè diventano dorati.

Nel caso in cui dovessero scurire troppo in superficie copriteli con un foglio d’ alluminio. L’importante è che diventino croccanti anche i fogli interni.

Servire ben caldi.

I cestini si possono conservare nel frigo per qualche giorno.

Note:

ho sbucciato la mela solo all’ ultimo momento per evitare di farla annerire,

non ho aggiunto del sale siccome il formaggio era già salato.

Più info sulla pasta fillo qui

Proprietà e usi  Aneto

aneto(in latino Anethum graveolens)

immagine foto aneto proprietà e usi in cucina

Proprietà aneto: Le sue proprietà hanno blandi effetti benefici per lo stomaco: digestive, aperitive, carminative (favorisce la fuoriuscita dei gas intestinali), antispasmodiche (attenua gli spasmi muscolari, e rilassa anche il sistema nervoso), diuretiche e anti-infiammatorie, calmanti e preparatorie per il sonno.

L’aneto in cucina

L’Aneto è coltivato come pianta da condimento. Le foglie e i semi sono molto aromatici, ricorda il finocchio per il suo odore e proprietà. Si usa moltonell’Est Europeo, Germania, Francia, Scandinavia, ma anche in India, e in numerosi altri paesi del mondo prevalentemente in piatti a base di pesce.
Inoltre le foglie, fresche o secche, sono impiegate per aromatizzare differenti preparazioni culinarie, generalmente le insalate, i pesci, le carni e le salse; mentre i semi servono per profumare i liquori e le confetture. Dai semi si ricava anche un olio.

-info da wikipedia

autuno

Le avventure della piccola matrioska in cucina (divertirsi giocando con la frutta)

l’incontro con la mela gialla con la bocca cucita

Matrioska incontra La Mela Gialla uscita dal film “Coraline e la porta magica”. Matrioska, non spaventarti, ha la bocca cucita e non può mangiarti! E tra poco finirà nei cestini di fillo!:)

mela divertente

like & share:

8 Responses »

  1. @Fra: li ho portati ad una cena e per la mia grande sorpresa(in realtà non sapevo a cosa aspettarmi)sono stai divorati. Hai ragione, mi ero dimenticata di aggiungere il racconto: ecco, la mela ha la bocca cucita per non mangiare la matrioska:).
    @Danilo: e buono:).

  2. @Veru: hi hi bella idea!
    @Angela: no, è l’eccezione, saranno perlopiù dolci, invece farò più racconti di viaggo e michi.
    @Elena: chie cerca trova:). Strano perchè l’aneto l’hanno lo usavano molto i romani in antichità. Comunque l’ho trovato in un negozio etnico ma anche in drogheria.
    @Libera: sono davvero contenta di rivederti qui, ormai non speravo più…un abbraccio.

Rispondi