Savarin alle fragole

Savarin giamaicano alle fragole o babà
Il savarin è un meraviglioso dolce sciroppato, profumato di rum e che acquista freschezza e un tocco in più con la frutta e la panna.  Al posto delle fragole potete utillizzare anche  altra frutta che più vi aggrada.
L’impasto per il savarin è identico a quello del babà, la differenza semmai sarebbe la forma: da una parte quella del savarin, invece i tipici babà per me sono quelli a forma di fungo mangiati nelle strade di Napoli. Preparando  il savarin ho scoperto che non è un’impresa come pensavo, anzi’ risulta una ricetta piuttosto facile e basta utillizare il mixer per lavorare l’impasto ed una normale ciambella a cerniera al posto dello stampo del savarin.

Il savarin mi ricorda la mia infanzia, infatti mia nonna lo preparava per le feste, però non era tra i miei dolci preferiti, probabilmente per l’uso dell’essenza di rum al posto del rum. (E infatti se volete servire questo dolce ai bambini mi sa che dovrete fare lo stesso nel sostituire il rum con l’essenza di rum). Invece da quando l’ho riscoperto in un viaggio a Napoli qualche anno fa è entrato nella mia personale “Top 10” dei dolci:).

Per la decorazione  ho utilizzato un’ottima confettura di lamponi, giusto per finire il barattolo, nella ricetta consiglio la gelatina o la confettura di fragole.

Savarin giamaicano alle fragole babà

 

Ricetta per preparare il Savarin  alle fragole


Tempo di preparazione: 30 minuti più  1 ora e 30 minuti per la lievitazione

Ingredienti per uno stampo da 24 cm a ciambella con la chiusura a cerniera:


*Ingredienti per l’impasto:

220 g farina 00
15 grammi di lievito di birra fresco
3 uova bio, quindi di misura media
75 g di burro più il burro per imburrare lo stampo
30 g di zucchero semolato
un pizzico di sale
2 cucchiai di latte tiepido

*Ingredienti per lo sciroppo:
380 ml  acqua
180 g di zucchero
la buccia di un’arancia non trattata tagliata a strisce(fate attenzione a ricavare solo la buccia arancione senza la pellicina bianca che dà un sapore amaro)
180 ml di rum

*Ingredienti per la guarnizione:

4 cucchiai di confettura o gelatina di fragole
1cucchiaio di rum
350 g di fragole fresche,  lavate e tagliate a metà
200 ml panna fresca montata

Preparazione:

Utilizzando una ciotola capace sciogliete il lievito di birra nel latte tiepido(il latte non deve essere troppo caldo), aggiungete lo zucchero, le uova, il sale e metà della farina setacciata. Col mixer a velocità media lavorate gli ingredienti fino a quando il composto diventa vellutato(5 minuti).
Aggiungete il burro ammorbidito e tagliato a pezzetti, sbattendo per altri 3 minuti, fino a quando si sarà ben amalgamato.
Aggiungete anche la farina rimasta continuando a mescolare il composto col mixer a velocità minima per 2-3 minuti fino a quando il composto si rassoderà.

Imburrate lo stampo e versateci dentro l’impasto, coprite con un canovaccio pulito e lasciatelo lievitare in un luogo tiepido, al riparo da correnti d’aria per circa un’ ora e 30 minuti. Il posto migliore per la lievitazione è il forno a microonde, ovviamente spento e con lo sportello chiuso.
Trascorso il tempo per la lievitazione, riscaldate il forno a  180°C, mettete delicatamente lo stampo sulla griglia centrale del forno e fatelo cuocere per 20 minuti circa oppure fino a quando assumerà un colore bruno dorato. Per verificare il grado di cottura potete utilizzare la prova dello stecchino: introducendo uno spiedino di legno nell’impasto ne deve venire fuori asciutto.
Lasciatelo raffreddare nello stampo per circa 15 minuti.

Nel frattempo preparate lo sciroppo al rum: Mettete l’acqua, lo zucchero e la buccia  d’arancia in un pentolino sul fuoco moderato e portate ad ebollizione, mescolando per far sciogliere lo zucchero. Fate bollire per 6-8 minuti e poi togliete dal fuoco. Aggiungete il rum e mescolate bene. Lasciate raffreddare un momento lo sciroppo, è meglio se usato caldo ma non bollente. Versate a cucchiaiate  lo sciroppo caldo sul savarin ancora tiepido, lasciandolo assorbire lentamente.

Utilizzare solo metà dello sciroppo per bagnare il savarin, invece l’altra metà viene usata quando servite il savarin, mettendo un cucchiaino ( o di più) di sciroppo su ogni fetta. Potrete portare lo sciroppo in tavola, in modo che ognuno si metta la quantità di sciroppo che desidera.

 

Come preparare la decorazione a base di fragole e panna per il savarin:

in un pentolino scaldate a fiamma bassa la gelatina di fragole e il cucchiaio di rum, senza farla bollire. Spalmate la gelatina tiepida sul savarin.

Riempite il buco della ciambella con della panna fresca montata e decorate il dolce con le fragole a volontà.
Io ho preparato il savarin la sera prima, l’ho bagnato subito utilizzando solo metà dello sciroppo e l’ho spalmato con la gelatina di fragole. La guarnizione di fragole fresche e la panna montata l’ho preparata il giorno dopo, poco prima di servire il dolce, l’altra metà dello sciroppo l’ho portata in tavola in modo che ognuno poteva sciroppare a piacimento la sua fetta.

( L’ispirazione per la ricetta del savarin giamaicano alle fragole l’ho trovata nel libro “Oggi cucino io” però per la preparazione dell’impasto ho seguito le indicazioni molto precise di Imma.)

L’incontro della piccola Matrioska con la signora Fragola

Matrioska e la signora Fragola

frutta divertente e fantasiosa e matrioska

 

É arrivata l’estate anche nel fantastico mondo di Matrioska: dappertutto fiorellini dai profumi e colori inebrianti. Matrioska corre allegra ma sfortunatamente inciampa e cade in un buco…però non è un buco qualsiasi ma quello che porta nel Paese delle meraviglie (sì sì proprio quello di  “Alice nel paese delle meraviglie”).  Matrioska, attenzione, guarda che quaggiù regna la cattiva Regina Rossa! Eccola, corri e scappa Matrioska!

Ma la nostra Matrioska è coraggiosa e soprattutto curiosa, così  si ferma a parlare con la Regina Rossa. Scopriamo che la cattiva Regina Rossa si è trasformata in una buona e la sua orrenda testa gigante è diventata una deliziosa fragola. Tutto grazie al magico  cappello a mo’ di margherita, realizzato dal Cappellaio Matto. E adesso la Regina Rossa si fa chiamare la Signora Fragola, visto che ha rinunciato al suo regno in quanto si è innamorata del Signor Fragola …che forse conosceremo presto:)

 

Rispondi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: